Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Sostegno discarica abusiva: decine di copertoni nel bosco
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Sostegno discarica abusiva: decine di copertoni nel bosco

Una montagna di spazzatura scoperta tra gli alberi da una donna che stava fotografando i fiori di primavera.

Sostegno discarica abusiva: circa un centinaio di vecchi copertoni abbandonati da tempo, nella radura c’erano rifiuti di ogni sorta.

Sostegno discarica abusiva: una brutta sorpresa

Si era avventurata nei boschi di Sostegno per andare a fotografare i fiori e invece si è ritrovata davanti una vera e propria discarica di pneumatici e altri rifiuti. «L’altro giorno con mio fratello ero andata nella zona di Sostegno per immortalare alcune fioriture – spiega Mirella Giovinazzo -, lungo una riva abbiamo notato una serie impressionante di rifiuti. Alcuni hanno assunto ormai un colore verdastro, da altri copertoni spuntano addirittura i fiori con la natura che cerca nonostante tutto di resistere». Una vera discarica di pneumatici, difficili contarli tutti, ma a occhio possono essere poco meno di un centinaio. Evidentemente qualcuno ha pensato bene di prendere questa riva come una discarica. Proprio la scorsa settimana un’altra discarica abusiva aveva suscitato polemiche: quella di Ghemme, oggetto di un servizio del programma Le Iene.

Una zona poco frequentata

Il tratto si trova nei pressi del cimitero di Asei, l’ultima frazione di Sostegno quasi a confine con Villa del Bosco. I pneumatici e rifiuti vari sono ben nascosti rispetto alla strada di passaggio, probabilmente sono stati scaricati direttamente dalla vicina strada. Soprattutto nelle ore serali infatti la via è poco frequentata. La segnalazione è stata lanciata su Facebook riscuotendo anche tantissimi commenti di sdegno. Ora si aspetta che qualcuno possa procedere al recupero di tutto quel materiale e conferirlo in discarica. Difficile andare a scoprire il responsabile, l’impressione è che questo malcostume vada avanti da un po’ di tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente