Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Vecchi mestieri e personaggi incredibili nel presepe di Rivò. Le foto

Un centinaio le figure create, con scene di vita quotidiana attuale e di altri tempi.

Vecchi mestieri e personaggi di tutti i giorni nel presepe di Rivò: così la frazione di Coggiola trova nuova vita.

Vecchi mestieri e personaggi

Un’intera frazione diventa un’opera d’arte. A Viera Rivò gli “Amici del presepe” hanno creato anche quest’anno la magia del Natale nella piccola frazione sopra Coggiola. E sono in tante le persone che hanno voluto vedere da vicino questa realizzazione, premiando il lavoro degli organizzatori.

Da mesi infatti i curatori hanno lavorato alla progettazione delle scene e alla realizzazione delle particolari “statue” che spuntano dalle finestre, dai campanili, lungo le strade, sui balconi. Nella frazione ormai abitano 35 persone e molte case sono vuote, le ambientazioni ridanno vita a questo borgo.

Scene di vita quotidiana

Un centinaio i pupazzi a grandezza naturale che sono stati realizzati con cura con scene di vita quotidiana d’altri tempi e più attuale. Quest’anno è stato allestito anche uno spazio dedicato alla sezione Avis di Coggiola, con il medico e la paziente.

«Al presepe di Rivò – spiegano i curatori – abbiamo chiesto ad alcuni amici di Coggiola di giocare con noi. Quest’anno è toccato all’Avis comunale, persone fantastiche che non esitano ad aiutare gli altri in mille modi. A loro va il nostro ringraziamento per l’entusiasmo con cui hanno accettato di contribuire al nostro presepe».

Tutti gli allestimenti sono stati rinnovati e negli angoli, stanze, vie sono nate scene come il matrimonio nella chiesa con tanto di vescovo, la famiglia in posa davanti al fotografo, il pollaio, il panettiere, la lavandaia. In primo piano infatti sono gli antichi mestieri e le “statue” sembrano vive e sono intente al lavoro attorniate da attrezzi, mobili o utensili che valorizzano il momento ricreato.

I personaggi

Si può ammirare la scuola, la donna che lava il bambino o che spinge l’altalena o che munge la mucca. L’uomo che trascina il proprio mulo su per la salita. Non si può non osservare i particolari, i dettagli che gli organizzatori hanno curato come nella taverna dove sembrano veri anche gli alimenti. Anche la Natività al centro della frazione ha un nuovo bue e asinello. Interessante il presepe meccanico che è stato allestito nei pressi della chiesa.

Il progetto di valorizzare questo piccolo angolo di Coggiola è nato alcuni anni fa dalla passione di William Pertegato, che ha una casa a Rivò. La prima edizione è stata curata con la mamma e poi si sono aggiunti gli altri membri del comitato, che sono Orietta Cerruti, Elisa Carola e Sabrina e Gilberto Protto. La frazione presepe potrà essere visitata sino al 10 gennaio.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *