Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Visite non urgenti sospese negli ambulatori Asl: centinaia di chiamate per disdire
Attualità Borgosesia e dintorni -

Visite non urgenti sospese negli ambulatori Asl: centinaia di chiamate per disdire

Verranno erogate solo le visite o prestazioni urgenti e brevi e le attività di fine iter terapeutico come la rimozione di punti e gessi.

visite non urgenti

Visite non urgenti sospese dall’Asl: prioritaria l’emergenza coronavirus.

Visite non urgenti sospese

L’allarme coronavirus ferma anche le visite ambulatoriali non urgenti. Venerdì anche in Valsesia e Valsessera sono state centinaia le persone contattate dall’azienda sanitaria di Vercelli che informava la disdetta della visita in programma per questa settimana. Stessa cosa per i territori limitrofi. Anche l’Asl di Vercelli ha infatti posto in essere una serie di provvedimenti per rispettare le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid 19. E la stessa cosa sta succedendo anche all’ospedale di Biella, anche qui l’Asl ha di fatto rinviato una serie di visite invitando gli utenti a rimanere a casa fino a nuovo ordine.

Le prestazioni garantite

A partire da oggi in tutte le strutture ambulatoriali pubbliche dell’Asl Vercelli verranno erogate solo le visite o prestazioni in classe U e B (urgenti e brevi) e le prestazioni che si configurano come conclusione di un iter terapeutico (tipo rimozione punti e gessi). Ovviamente anche l’ospedale di Borgosesia è interessato da questa disposizione. Per accedere a queste prestazioni i pazienti dovranno essere sottoposti a un pre-triage in ciascuna sede.
Sono invece sospese le prestazioni ad accesso diretto. Le prestazione con priorità D differibile e P programmabile potranno essere erogate dalla strutture private accreditate nel rispetto delle norme vigenti.

Accessi contingentati

Per prevenire eventuali contagi gli accessi alle strutture sanitarie saranno contingentati al fine di evitare che in uno stesso luogo possano affollarsi più persone. Ciò avverrà anche per il centro prelievi. Viene mantenuto l’accesso per l’ambulatorio di chirurgia; anche in questo caso l’ingresso dei pazienti sarà contingentato con entrata in piastra a partire dalle 10, con l’effettuazione del pre-triage e poi l’invio alla sala di attesa. Viene data continuità all’attività vaccinale con le sedute già in calendario; in questo caso potrà accedere un solo accompagnatore. Tutte le attività ambulatoriali della Medicina legale relative alle commissioni invalidi e patenti speciali, patenti “normali”, prenotazione per le future commissioni patenti speciali saranno svolte nella sede di via Cavalcanti (ex-istituto zooprofilattico situato di fronte alla Piastra ambulatoriale).

Le misure precauzionali

E l’Azienda sanitaria raccomanda: «Nell’interesse di tutti chiediamo cortesemente ai cittadini la massima collaborazione per rispettare tutte le misure previste».
«Queste misure – spiegano dall’Asl – vanno nell’interesse dei pazienti, ma anche delle persone che devono accedere all’ospedale. Gli ultimi decreti stanno prefigurando una situazione sempre più grave con il diffondersi continuo del virus. Evitare i luoghi affollati è l’unico modo per contenerne la diffusione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *