Seguici su

Cronaca

Consuma rapporto sessuale con figlia minorenne di amici. Denunciato 64enne

Pubblicato

il

Pastore colpisce automobilista

Consuma rapporto sessuale con figlia minorenne di amici. Presentata una denuncia ai Carabinieri di Chivasso.

Consuma rapporto sessuale con minorenne

Sono stati i genitori, insospettiti, a rivolgersi ai Carabinieri: loro figlia, minorenne, da tempo sembrava “diversa”. Gli uomini dell’Arma della Compagnia di Chivasso hanno avviato le indagini e hanno trovato chat e messaggi tra la ragazza e un amico di famiglia, 64enne, che lasciava intendere un legame molto intimo e romantico. I due, inoltre, avrebbero consumato rapporti sessuali, “consensuali” da parte della ragazza, ma non secondo la legge.

È violenza sessuale

Afferma infatti l’articolo 609quater del Codice Penale: «Soggiace alla pena stabilita dall’articolo 609-bis chiunque, al di fuori delle ipotesi previste in detto articolo, compie atti sessuali con persona che, al momento del fatto: non ha compiuto gli anni quattordici; non ha compiuto gli anni sedici, quando il colpevole sia l’ascendente, il genitore, anche adottivo, o il di lui convivente, il tutore, ovvero altra persona cui, per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia, il minore è affidato o che abbia, con quest’ultimo, una relazione di convivenza».

Avere un rapporto con una minore di 14 o 16 anni, infatti, è una violenza sessuale perché il soggetto non è maggiorenne e perché si presume che la “consensualità” del rapporto non sia reale, ma invalidata dallo squilibrio di età e di “potere” che l’adulto potrebbe esercitare.
LEGGI ANCHE: Incidente mortale: perde la vita una 18enne, feriti due ragazzi

Proseguono le indagini

Ancora non sono noti i dettagli della vicenda ma dopo una prima denuncia nei confronti del 64enne, i militari starebbero ancora lavorando alle indagini per verificare che l’uomo non abbia stretto legami sessuali con altre ragazzine minorenni residenti nel chivassese.

A questo punto tutto è nelle mani della Procura della Repubblica, che potrebbe anche decidere per delle misure cautelari nei confronti di Andrea, come il divieto di avvicinarsi alla ragazza o addirittura ipotesi più restrittive come gli arresti domiciliari o la custodia in qualche struttura.

La notizia originale su Prima Chivasso.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *