Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Furti in costa Smeralda: fermato a Lozzolo uno dei ladri
Cronaca Gattinara e Vercellese -

Furti in costa Smeralda: fermato a Lozzolo uno dei ladri

I carabinieri della stazione di Gattinara hanno arrestato A.D., residente a Broni, che insieme ad altre 2 donne ha preso di mira una serie di attività commerciali in Sardegna

costringe la moglie

Furti in costa Smeralda: fermato a Lozzolo uno dei ladri. I carabinieri della stazione di Gattinara hanno arrestato, a Lozzolo, A.D., residente a Broni,  perché ritenuto responsabile di concorso in furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito.

Furti in costa Smeralda: fermato a Lozzolo uno dei ladri

L’arresto è avvenuto ieri pomeriggio, in esecuzione di un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura della Repubblica di Tempio Pausania nei confronti dell’uomo e di due donne S.B., 47enne di Fidenza  e J.B., 32enne di Lucca, anch’esse gravate da vicende penali per reati contro il patrimonio, complici nella commissione di numerosi furti perpetrati tra luglio ed agosto scorsi in più negozi di comuni della Costa Smeralda: Palau, Porto Cervo, Baja Sardinia, Cannigione, Abbiadori, San Pantaleo e Porto San Paolo.

Il modus operandi

I tre, tutti appartenenti a famiglie di nomadi, agivano all’interno di esercizi commerciali dove, secondo un copione consolidato, uno dei tre fingeva interesse per un prodotto (dall’abbigliamento, alle calzature o a borse di valore) distraendo l’attenzione della commessa di turno dall’azione furtiva dei complici che, nel frattempo, mettevano a segno il colpo, sottraendo portafogli, denaro, bancomat, carte di credito o borse griffate. Attraverso le indagini,  i tre sono stati identificati e colpiti da provvedimenti restrittivi. A.D., a conclusione delle rituali formalità, è stato associato alla Casa Circondariale di Vercelli, mentre le due donne sono state rispettivamente associate alla Casa Circondariale di Firenze e agli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente