Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Il nervosismo della fidanzata tradisce uno spacciatore
Cronaca Borgosesia e dintorni -

Il nervosismo della fidanzata tradisce uno spacciatore

La polizia di Vercelli è risalita a lui dopo aver fermato la convivente e averle trovato dosi di stupefacente

La polizia di Vercelli ha fermato nei giorni scorsi un noto spacciatore. Il fermo è arrivato grazie all’intuito degli agenti, che hanno notato il fare ambiguo di due giovane a bordo di un’auto parcheggiata.

A bordo c’erano una ragazza di 24 anni senza prcedenti alle spalle e un ragazzo di 26, con diversi precedenti penali, entrambi di Vercelli. I giovani hanno consegnato spontaneamente le dosi di stupefacente che avevano con loro, destinati a uso personale.

La polizia ha riconosciuto nella giovane la convivente di un pregiudicato con diversi precedenti in materia di stupefacenti e alle domande degli operatori circa il compagno la ragazza ha iniziato ad avere un comportamento piuttosto nervoso cercando, invano, di contattare subito il convivente nonostante il dissenso degli operatori.

Da qui la volontà degli agenti di perquisire l’abitazione della giovane e del convivente, un vercellese di 27 anni. In diversi punti della casa sono stati trovati hashish e marijuana per un totale di circa 90 grammi, avvolti in un involucro termosaldato ed in diversi ovuli facilmente occultabili. Non solo, sono stati ritrovati diversi coltelli intrisi di sostanza stupefacente, evidentemente utilizzati per tagliare la stessa e 1.400 euro in denaro contante, probabilmente provento dell’attività criminosa del soggetto.

Tutti e tre i soggetti sono stati portati in caserma per accertamenti e il conviventi si è assunto tutte le responsabilità, dicendo che la droga ritrovata era tutta sua. E’ stato quindi  arrestato per detenzione di droga ai fini di spaccio e portati in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria. Gli altri due, invece, sono stati segnalati all’autorità amministrativa per possesso di droga per uso personale.

Articolo precedente
Articolo precedente