Cronaca Novarese -

Quattro in manette dopo due tentativi di furto a Romagnano

La loro era una tecnica collaudata. Ma questa volta hanno trovato i carabinieri ad aspettarli.

ladro di giocattoli

Quattro in manette dopo avere tentato dei colpi in negozi di Romagnano.

Quattro in manette

Sono accusati di avere tentato due furti, per un valore totale di 5mila euro di merce da due punti vendita di Romagnano. Ma ai ladri è andata male: sono stati arrestati in flagrante dai carabinieri.
E’ accaduto nei giorni scorsi nell’area commerciale di via Novara, tra il centro abitato di Romagnano e l’innesto all’autostrada A26. Si trattava di un gruppo esperto del “settore”, quattro persone di origine romena già noti alle forze dell’ordine per reati analoghi. I quattro sono attualmente domiciliati a Torino, ma nel curriculum possono vantare colpi in varie località, addirittura fuori dall’Italia (più precisamente in Spagna).

LEGGI ANCHE: Furto in azienda a Villa del Bosco. I ladri fanno un buco nel portone per entrare

La tecnica

La tecnica era già collaudata, e aveva dato risultati in passato. Agivano in quattro: mentre tre effettuavano una spesa “normale”, entrando, acquistando qualche prodotto e presentandosi regolarmente alle casse per pagare, il quarto approfittava di un momento di distrazione del personale per uscire dalle porte antipanico, non sorvegliate, con il bottino vero, merce anche per migliaia di euro. Ed è quello che hanno tentato di fare anche a Romagnano, non fosse stato per una commessa che ha capito di aver appena subito un furto e ha avvisato i carabinieri. I quali hanno teso la trappola.

Il primo episodio

Il primo colpo è stato tentato al Tigotà. Come detto, tre malviventi sono usciti passando regolarmente dalle casse, mentre il quarto ha provato a defilarsi da una delle porte antipanico portandosi dietro profumi e altri prodotti di bellezza particolarmente costosi, per un totale stimato di almeno 2mila euro. Ma una commessa lo ha notato e lo ha inseguito, costringendolo a lasciare la refurtiva.
Intanto venivano chiamati i carabinieri, mentre i quattro si allontanavano dal punto vendita. Ben decisi a non perdere un pomeriggio di trasferta per tornare a casa a mani vuote, i quattro decidevano di riprovarci in un altro punto vendita. Intanto però arrivavano i carabinieri, che li individuavano mentre confabulavano nel parcheggio.

L’arresto

I militari erano usciti in abiti borghesi perché avevano ipotizzato che il gruppo potesse essere ancora in zona, e magari tentare un nuovo colpo: e quindi avevano lasciato le divise in caserma per poterli avvicinare senza insospettirli.
I quattro vengono quindi individuati nel parcheggio del McDonald’s . Vengono tenuti d’occhio, e in effetti vengono visti entrare nel punto vendita Bennet. I carabinieri entrano a loro volta, avvisano i gestori della presenza dei ladri e li tengono d’occhio. E vedono che adottano la stessa tecnica: tre si presentano alle casse con una cassetta di birra, il quarto si nasconde in bagno, poi arraffa beni per circa 3mila euro e cerca di defilarsi dalle porte posteriori.

Il processo

Ma i carabinieri sono stati pronti a intercettare tutti e quattro, ammanettandoli.
I quattro andranno a processo per direttissima a settembre dovranno rispondere di furto. Per intanto hanno l’obbligo di dimora a Torino. Pare che avessero già colpito in un’altra occasioni nella stessa area commerciale di Romagnano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *