Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Campione di autocross con vetture “fatte in casa”: è il coggiolese Luca Cortellazzi
Sport Sessera, Trivero, Mosso -

Campione di autocross con vetture “fatte in casa”: è il coggiolese Luca Cortellazzi

La passione per i motori e le gare l’ha ereditata proprio dal padre, insieme a cui lavora in un’officina.

Campione di autocross con vetture “fatte in casa”: «Le macchine? Le faccio con mio papà in officina».

Campione di autocross con vetture “fatte in casa”

Luca Cortellazzi, 23 anni tra poco, di Coggiola, è un vero talento al volante, e le macchine che guida se le costruisce quasi da zero, con l’aiuto del papà. Nel 2020, nonostante fosse la sua prima stagione su terra, ha sfiorato il titolo italiano assoluto di autocross, accontentandosi di quello della categoria “touring car”.

Motori nel sangue

La passione per i motori l’ha ereditata proprio dal papà Luigi: «Praticamente sono nato al volante – racconta Cortellazzi – perché mio padre all’inizio degli anni 2000 ha vinto alcune gare di autocross. E io ero sempre alle gare a fare il tifo per lui. Lui è sempre al mio fianco anche al di fuori delle gare, visto che lavoriamo insieme in una officina di macchine agricole».

Prime esperienze su ghiaccio

Cortellazzi, però, ha iniziato la sua carriera da pilota di velocità su ghiaccio: «La prima gara l’ho fatta sulla pista di Pragelato, avevo 19 anni e guidavo una Mitsubishi Lancer. L’Ice Challenge l’ho fatta per tre anni, è stata un’esperienza bellissima e coronata anche da buoni risultati, come un quinto posto assoluto e un terzo di classe».

Macchine costruite con il papà

L’anno scorso c’è stato il passaggio alla terra, con ancora maggiori gratificazioni: «Ma la soddisfazione ancora più grande – riprende Cortellazzi – me la dà il fatto di gareggiare con macchine che prepariamo io e mio padre praticamente da cima a fondo, dal motore, al cambio, alla carrozzeria, fino agli ammortizzatori. Di recente ho fatto anche un corso per le centraline. È una cosa che facciamo con passione e che ci permette anche di risparmiare».

In questo 2021, però, Cortellazzi sarà in stand-by: «Quest’anno ho comprato casa e mi concentrerò su questo, spero di partecipare almeno alla gara di Maggiora. Nel 2022, comunque, spero di tornare in pista a pieno regime».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *