Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Stefano Rossini nuovo mister del Borgo calcio
Sport Borgosesia e dintorni -

Stefano Rossini nuovo mister del Borgo calcio

«Ho trovato una società seria e persone squisite».

Stefano Rossini

Stefano Rossini approda alla panchina del Borgosesia: «Ho trovato una società seria e persone squisite».

Stefano Rossini nuovo mister

Una curriculum decisamente degno di nota. Terzino della Nazionale Under 21, che conquistò il titolo europeo nel 1992 sotto la guida di Cesare Maldini. E poi più di 400 partite tra serie A e serie C con le maglie di Inter, Parma, Cremonese, Genoa, Lecce, Piacenza e Atalanta, solo per citare alcune delle squadre in cui ha militato da giocatore. Stefano Rossini, classe 1971, è il nuovo allenatore del Borgosesia, dopo l’esonero di Carlo Prelli. L’ex difensore azzurro, appese le scarpe al chiodo nel 2008, ha iniziato ad allenare nei settori giovanili di Libertas Spes Piacenza e Pavia (con qualche apparizione in Lega Pro), poi ha guidato la prima squadra della Vigor Carpaneto, portandola dall’Eccellenza alla serie D. E’ libero dalla scorsa estate, dopo la scelta della società piacentina di non iscriversi al campionato.

L’arrivo

«Domenica, contro il Pont Donnaz, ho assistito alla partita – sono le prime parole di mister Rossini nel nuovo ruolo, riportate dalla stessa società – Ho trovato una Società seria e persone squisite. Mi è piaciuto molto lo stadio che ricordavo dai tempi di quando ero giocatore. Oggi (lunedì 1 febbraio) ho tenuto il primo allenamento e devo dire che ho visto un gruppo con grande attenzione e applicazioni, aspetti che non dovranno mai venire a mancare. Personalmente, nella mia carriera ho avuto parecchi allenatori e devo dire che ognuno è diverso dall’altro.  Va fatto tesoro degli insegnamenti e adattarli alla tua filosofia di calcio. Io amo un calcio propositivo che traduca in campo quanto fatto in settimana. Detto questo credo sia una caratteristica che ben si addice alla nostra rosa, poi ovviamente ci sono anche gli avversari e dobbiamo essere organizzati anche nel respingere le loro azioni offensive».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *