Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alagna, a Pedemonte aperto il museo walser
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Alagna, a Pedemonte aperto il museo walser

Ad agosto sarà possibile visitarlo tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30

Ad Alagna, in frazione Pedemonte, è aperto il museo Walser. Per chi in estate capita in Valsesia è un punto di riferimento importante a livello turistico, è possibile trovare infatti utili elementi per farsi un’idea su questa popolazione di origine germanica che si diffuse durante il XII e XIII secolo in diverse località dell’arco alpino, tra cui l’alta Valsesia. Inaugurato nel 1976, il museo è allestito in un edificio che riporta due date: 1628 sulla porta della cucina e 1902 sulla trave di colmo. E’ una baita perfettamente conservata, esempio inalterato di ciò che la casa Walser fu nei secoli e del suo utilizzo. A fianco della biglietteria un cartello in lingua riassume lo scopo del museo: «Wïtte mu hed aswenn glebed im Land», cioè «Come si viveva una volta ad Alagna». A luglio il museo è aperto dal lunedì al sabato dalle 15 alle 18; ad agosto tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30. Per prenotazioni di visite in altri giorni: 347 1377404. Prevista animazione al Museo sabato 22 luglio alle ore 21 e sabato 29 luglio alle 20.30. Per altre informazioni e contatti: 347 1377404.

Durante la visita si ha l’opportunità di conoscere da vicino il sistema edilizio della casa Walser del paese. Abitata da più nuclei familiari con bestiame di proprietà, è ideata in modo da ospitare sotto lo stesso tetto stalla, granaio, spazi destinati al riposo, alla vita sociale e alla conservazione dei cibi, in una sintesi armonica delle fondamentali necessità di questi contadini d’alta quota. La costruzione delle case avveniva con scambi vicendevoli di mano d’opera. Il museo mostra come gli antichi Walser seppero realizzare dentro la casa un sistema efficiente, che ben si adattava alle loro esigenze di autosufficienza, e racconta la vita quotidiana attraverso gli strumenti di uso comune, con un percorso attento alla cultura materiale.

Articolo precedente
Articolo precedente