Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Cane giustiziato a Gattinara: ci sono i testimoni
Attualità Gattinara e Vercellese -

Cane giustiziato a Gattinara: ci sono i testimoni

«Quando arriveranno le denunce ufficiali presenteremo anche noi un fascicolo su questo assurdo caso»

Cane giustiziato a Gattinara: ci sono i testimoni. L’animale era stato trovato senza via lungo la strada tra Rovasenda e Gattinara nelle scorse settimane. 

Cane giustiziato a Gattinara

Quattro le testimonianze raccolte per cercare il colpevole che ha sparato al cane trovato senza vita lungo la strada tra Rovasenda e Gattinara. Il terribile gesto accaduto ad aprile non era passato inosservato.  L’Aidaa, associazione italiana a difesa di animali e ambiente, si era subito mossa e aveva promesso anche una taglia per chi avesse dato informazioni utili. «In realtà nessuno ha voluto niente – spiega Lorenzo Croce -. Ci hanno contattato via mail dopo aver letto l’appello su Notizia Oggi. E sono tutte testimonianze che concordano».

Gli atti in procura

Ora l’associazione animalista attende che le denunce dei quattro testimoni vengano formalizzate per presentare un fascicolo alle forze dell’ordine e in procura. «Vogliamo giustizia per quell’animale – spiega -. Le testimonianze, come detto, sono univoche. C’è chi aveva notato quel cane vagare proprio in qual punto la sera prima, il giorno dopo poi l’aveva trovato senza vita mentre gli operatori raccoglievano la carcassa». L’animale non aveva microchip per cui è difficile risalire al padrone, ma sicuramente aveva un proprietario. C’è chi dice di averlo visto in altre occasioni e ha fornito tutti gli elementi utili all’identificazione all’associazione.

Un riscontro positivo

La storia è di quelle che provocano sdegno non solo tra gli amanti degli animali. «In realtà – specifica Croce – chi si è fatto avanti è stato spinto solo da un senso di giustizia, nessuno ha chiesto i soldi. Avevano letto la storia su Notizia Oggi e ci hanno contattato per dare le informazioni necessarie, sono persone che hanno fornito nominativi e sono sicure di quello che hanno visto. Questa grande partecipazione non può che farci piacere: è una storia che ha toccato davvero il cuore e provocato lo sdegno da parte di tutti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente