Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Invasione di cimici: case assediate in bassa Valsesia
Attualità Gattinara e Vercellese -

Invasione di cimici: case assediate in bassa Valsesia

In questi giorni sciami di insetti di specie asiatica stanno cercando rifugio per l'inverno: è caccia ai rimedi.

Invasione di cimici: case assediate un po’ ovunque, ma soprattutto nelle zone in bassa Valsesia. Meno colpiti i centri di montagna

Invasione di cimici, è caccia ai rimedi per allontanare gli insetti puzzolenti

E’ il periodo giusto, quello dei primi freddi. Ma quest’anno l’invasione di cimici asiatiche sembra particolarmente intensa. I disagi in particolari si hanno nelle zone a quote più basse, mentre i centri di montagna sono meno soggetti a questo fenomeno. Di sicuro a scorrere anche i social ci si può fare un’idea abbastanza chiara di cosa sta accadendo: molti riferiscono di case invase, di insetti che entrano anche solo a lasciare aperto uno spiraglio. E ovviamente è caccia ai rimedi. La cimice non è pericolosa, ma è molto fastidiosa sia per le dimensioni, sia per il fatto che rilascia un odore pungente e nauseante se viene disturbata o schiacciata. Per cui bisogna fare in modo che se ne vada da sola. Attenzione anche a quelle che entrano negli abitacoli delle vetture: ci sono già stati incidenti.

Tra rimedi c’è anche l’aglio

Tra i rimedi naturali per allontanare le cimici già presenti in casa c’è quello di utilizzare uno spicchio d’aglio da sistemare nei luoghi a rischio. Una soluzione a base di acqua ed aglio può altresì essere spruzzata su battiscopa e piante ornamentali. Tra gli altri rimedi naturali ci sono la menta e l’olio di neem . Un infuso con mezzo litro d’acqua, dieci foglie di menta e l’aggiunta di cinque gocce di olio di neem una volta raffreddato può essere utilizzato su piante, davanzali porte e finestre di casa. Anche la cosiddetta erba gatta, detta catnip, è un utile repellente per gli insetti e se sistemata su balconi e davanzali funge da scudo naturale per respingere le cimici.

 

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente