Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Sacro Cuore Romagnano i ragazzi in scena con Puccini
Cultura e turismo Novarese -

Sacro Cuore Romagnano i ragazzi in scena con Puccini

Applausi per i piccoli attori della Zatterina, alle prese con un'opera lirica

Sacro Cuore Romagnano i ragazzi mettono in scena una loro versione del “Gianni Schicchi” di Giacomo Puccini.

Sacro Cuore Romagnano piccoli attori alle prese con la lirica

Applausi e apprezzamenti per i piccoli attori dell’istituto Sacro Cuore di Romagnano, che hanno messo in scena la rivisitazione in chiave comica dell’opera di Puccini “Gianni Schicchi”. Sedici studenti della classe quinta, guidati dall’insegnante Anna Nicolini, hanno quindi interpretato la vicenda ambientata nella Firenze del Trecento. Una vicenda ispirata a sua volta ad un episodio del Canto XXX dell’Inferno di Dante, dove sono puniti i falsari. Il titolo della commedia, portata in scena dalla compagna della scuola era “ll Bartolo”.

Un esperimento su un testo complesso

«I bambini – dice Nicolini – hanno avuto modo di conoscere un testo complesso: un esperimento che ha avuto molto successo. Tanto che i bambini non uscivano più dai personaggi… Tutti sapevano le parti di tutti. In classe, se mi scappava una frase della commedia, partiva mezzo copione. I parenti sono stati entusiasti, mentre gli studenti hanno sperimentato le loro capacità espressive e creative; ognuno poi ci ha messo del suo e l’ha fatto benissimo. Facendo teatro si acquisisce una maggiore sicurezza e il controllo delle proprie emozioni. Ringrazio la compagnia teatrale “Il veliero” di Borgosesia, che ci ha sostenuto nelle varie fasi del progetto.

Dal Veliero alla Zatterina

Il nome della compagnia dei ragazzi, “La zatterina”, nasce proprio dal nome della compagnia borgosesiana. I ragazzi avevano visto un loro spettacolo e si erano entusiasmati. Se gli attori grandi sono “Il veliero” i più piccoli sono “La zatterina”. Lo scorso anni i ragazzi avevano interpretato Robin Hood: ed erano andati in onda su Italia Uno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente