Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alagna Valsesia vuole diventare la prima località turistica Covid free delle Alpi
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Alagna Valsesia vuole diventare la prima località turistica Covid free delle Alpi

Al via venerdì 21 maggio le vaccinazioni di massa dell’intera popolazione e degli operatori turistici.

valsesia turismo

Alagna Valsesia la prima località turistica covid free delle Alpi? Si punta tutto sulla campagna vaccinale.

Alagna Valsesia è pronta a vaccinare contro il Covid

Venerdì 21 maggio inizierà la vaccinazione dell’intera popolazione di Alagna Valsesia, nota località ai piedi della seconda montagna più alta d’Europa, il Monte Rosa, e importante meta turistica in Piemonte. L’attività vaccinale di massa non si limiterà ai soli residenti, bensì anche a tutti i dipendenti delle imprese che operano a contatto diretto con il pubblico, sia in ambito turistico che commerciale. L’obiettivo primario sarà garantire la massima protezione sia agli abitanti sia agli operatori dell’intero comparto entro l’inizio della stagione estiva.

L’attività di vaccinazione di massa si avvia grazie all’accordo e alla stretta collaborazione tra il Comune di Alagna Valsesia, promotore dell’iniziativa, la Regione Piemonte e l’ASL 11 di Vercelli, ponendo le basi per una più ampia attività di vaccinazione in tutte le principali località turistiche dell’Alta Valsesia.

Il commento del sindaco Roberto Veggi

Inizieremo a vaccinare tra due giorni, venerdì 21 maggio. I primi saranno gli operatori del settore turistico. Albergatori, ristoratori, guide alpine, operatori degli impianti a fune, taxisti, accompagnatori turistici e tutti coloro che hanno un contatto diretto con i nostri visitatori tra cui anche gli esercenti e gli imprenditori agricoli. La vaccinazione coinvolgerà tutte le fasce di età e ci permetterà di diventare la prima destinazione “covid-free” delle Alpi.

Una marcia in più come meta turistica

Dopo un inverno di chiusure, senza impianti da sci e con il turismo invernale azzerato dalle limitazioni di
spostamento, è doveroso ringraziare il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e il suo staff che,
credendo nella nostra iniziativa e appoggiando la nostra richiesta, ci permette di affrontare la stagione
estiva garantendo la sicurezza dei cittadini alagnesi e offrendoci il medesimo servizio che è stato concesso
ad altre località turistiche insulari italiane ed europee. Adesso i turisti avranno la possibilità di scegliere una destinazione covid-free anche in montagna e non solo al mare, trovando così un territorio sicuro e con ridotto rischio di contagio.

Anche i gestori dei rifugi saranno vaccinati e questo è un ulteriore passaggio fondamentale per garantire la
sicurezza dei cittadini valsesiani. Bisogna considerare, infatti, che, soprattutto alla Capanna Gnifetti e alla
Capanna Margherita (il rifugio più alto d’Europa, a 4556m) la maggior parte dei fruitori provengono
dall’estero.

Vaccini per tutta l’Alta Valsesia

Riprende il sindaco:

L’attività di vaccinazione di massa non si limiterà al solo territorio comunale di Alagna Valsesia, bensì verrà allargata ai cittadini e agli operatori di tutte le principali località turistiche dell’Alta Valsesia. In particolare ai vicini comuni di Mollia, Campertogno, Rassa, Pila, Piode, Scopello, Boccioleto, Carcoforo, Alto Sermenza, Rimella, Fobello e Cervatto.

Le vaccinazioni verranno effettuate presso il centro medico di Alagna Valsesia, realizzato dal Comune e
inaugurato nel mese di luglio dell’anno scorso proprio per offrire maggiori servizi in questo difficile periodo di pandemia, grazie all’encomiabile lavoro del personale della locale ASL di Vercelli che effettua tutte le attività di vaccinazione sotto la supervisione del SISP.

Alagna dista oltre 45 km dal vicino ospedale di Borgosesia e l’elevata frequentazione estiva da parte di
turisti italiani e stranieri ci ha fatto riflettere sulla necessità di velocizzare l’attività di vaccinazione a tutte le fasce d’età, per garantire la massima copertura entro l’inizio della stagione estiva

E continua il Direttore Generale dell’Asl di Vercelli dr. Angelo Penna:

Grazie alla presenza del polo vaccinale di Alagna, entro la fine del mese avremmo vaccinato l’intera popolazione over 40, ma con questa iniziativa riusciremo a vaccinare con la prima dose l’intera popolazione dell’Alta Valsesia entro la prima settimana di giugno nel pieno rispetto degli indirizzi regionali.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

10 Commenti

  • David ha detto:

    “Vaccineremo l’intera popolazione, gestori dei rifugi, guide”. Ottimi propositi ma viene dimenticata una frase fondamentale, ovvero “chi lo vorrà fare”. (Art. 32 della carta costituzionale).

    • John ha detto:

      Andrebbe introdotto un reato apposta per chi non vuole fare il vaccino. E’ lecito astenersi per chi non può a causa di preesistenti problemi di salute, ma chi non si vaccina per ignoranza andrebbe punito.

      • M ha detto:

        Caro John.
        Siamo in un paese democratico chi vuole lo farà chi non vuole no. Tanto chi si vaccinerà sarà coperto anzi potrà lui infettare chi non lo è. Perciò libere scelte.
        Ergo chi si vaccina può stare tranquillo, continuare la sua vita. Tanto mica dovrà avere paura dei non vaccinati no? Stia sereno e rispetti le scelte anche se pur diverse da chi non la pensa come lei.
        E Come dice David art 32 Costituzione.

        • John ha detto:

          Voi no-vax siete fortunati che questo è un Paese molle e debole, dove l’ignoranza ha più potere della scienza.

      • David ha detto:

        Come si è liberi di esprimere liberamente il proprio pensiero, (art. 21) non a caso la seguo sempre divertito e con ammirazione per le sue posizioni drastiche, si è liberi di sottoporre il proprio corpo a trattamenti farmacologici.
        Come è possibile che uno stato imponga in qualche modo una cura e contemporaneamente venda le sigarette che notoriamente creano danni?(se fumate, preciso per il moralizzatore).
        Ah già, vero, bisogna vaccinarsi per… il rispetto degli altri.
        Andrebbe introdotto un reato che possa punire gli ignoranti, coloro che ignorano e non si informano se non dai canali ufficiali e indubbiamente “seri”; esistono altre voci e le avete tutte nel palmo della mano.

        • John ha detto:

          Lei sarebbe il primo ad essere punito per reato di ignoranza. Speravo in un obbligo di legge per la vaccinazione, ma so che è impossibile. Però posso sempre sperare che chi non si vaccina possa contrarre il virus. E’ libertà di espressione. Tanto prima o poi vorrete andare in vacanza da qualche parte, e magari all’estero. Oh si che correrete tutti a vaccinarvi pur di poter partire.
          Viva la coerenza.

          • M ha detto:

            Caro John
            Io non so cosa faranno gli altri che attualmente non vogliono vaccinarsi. Ma posso dirle che personalmente io ai ricatti non cedo. Non si potrà andare in vacanza pace, non si potrà andare ai concerti va bene…sono una persona fortunata ho altre cose alle quali tengo di più. Ad esempio la mia vita. mi chiedo solo perché tanto accanimento da parte sua su chi non vuole farlo…Perché tanta rabbia? Forse per come dice lei per l’ignoranza della gente? Ma se lei crede di essere nel giusto vedrà che tanta gente seguirà la sua voce senza dare ascolto non ai “no vax” ma semplicemente a quelli che in questo vaccino vedono la poca sperimentazione poiché i veri effetti collaterali (o magari non ci sono si spera proprio) usciranno non prima di 5 anni .comunque io rispetto la sua convinta posizione le ribadisco solo il concetto di stare tranquillo che lei è protetto dai pazzi e deboli come noi. Perciò affari nostri. Ma Perché augurare del male agli altri? Per svegliarli dall’ignoranza lei dirà…..ma È una cosa che nessuno dovrebbe permettersi di fare…anche solo per coscienza…. Quindi mi auguro che la sua sia una frase buttata lì senza ragionamento….sappia che Le cure ci sono…ne sono state trovate diverse da diversi premi Nobel….comunque io mi informerò meglio sui vaccini, data la mia ignoranza sulla convinzione in questo lato, lei non si informi, tanto ha ragione….siamo in un paese debole che cede ai ricatti….le consiglio solo di stare più sereno, L’agitazione fa male Alla salute. Sappia che non intendo continuare a fare pin pong a risposte contro il muro, Perciò lascerò cadere qualunque accusa che risponderà. Non ne ho tempo e voglia. Io a differenza di lei però le auguro tanta salute. Questo un essere con un anima dovrebbe solo augurare ad un suo simile. Gli animali hanno il cuore più grande del nostro. Buona giornata continuerò a leggerla divertita

        • ercole ha detto:

          Credo sia inutile sprecare parole per spiegarle ciò che sia giusto fare da ciò che sia sbagliato per la comunità . A me sta bene se se ne va a vivere nella foresta da solo e non va a fare la spesa o lavorare dove vado io o altre persone dotate di intelletto….. D’altronde, come biasimarla, anche prima di Uruk moltissimi la pensavano come lei ma….. eravamo nel 3500 a.c !!

  • alessandro belviso ha detto:

    non mi sono vaccinato, lo farò se in futuro avrò dati concreti, potrei disquisire sui motivi tecnici ma non lo faccio in quanto tesi personale, se qualcuno volesse vaccinarmi prima del tempo avrà dei problemi

  • Fabrizio ha detto:

    Non ne farei tanti problemi!!davanti ad una catastrofe come il covid 19 non ci sono tanti giri di parole da fare!!!chi pensa di poter non vaccinarsi è un povero ignorante che non ha rispetto della propria vita figuriamoci di quella degli altri!!Proprio perché siamo in un paese democratico ci vuole buonsenso e rispetto di tutte le persone che soffrono in modo inimmaginabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *