Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alberto Cirio: «Fuorviante l’immagine di un Piemonte fermo e malato»
Attualità Fuori zona -

Alberto Cirio: «Fuorviante l’immagine di un Piemonte fermo e malato»

Il governatore: «La nostra non è una regione a rischio. Serve una ripartenza sostenibile».

alberto cirio

Alberto Cirio descrive la situazione piemontese: «La nostra non è una regione a rischio».

Alberto Cirio e il Piemonte

«La nostra non è una regione a rischio». Lo sostiene il presidente del Piemonte Alberto Cirio. «Noi abbiamo tutti i parametri a posto – prosegue – Oggi il famoso rapporto R con zero risulta essere a quota 0,34, quindi decisamente al di sotto dei livelli di guardia. Le uniche differenze riguardano qualche giorno in più per riaprire bar e ristoranti, aperti dal 23 maggio. Sono stati gli stessi ristoratori a chiederci qualche giorno in più per riaprire in sicurezza, soprattutto la ristorazione di eccellenza. I banchi extralimentari nei mercati torneranno da mercoledì perché occorre risistemare le piazze che li devono accogliere».

LEGGI ANCHE: Dati Coronavirus: in provincia di Vercelli 24 guarigioni

Una ripartenza sostenibile

«L’immagine di un Piemonte fermo perché malato è quanto di più fuorviante – continua – tanto è vero che allo stato attuale in tutto il Paese le tre Regioni che il Governo e il Comitato tecnico-scientifico considerano sorvegliate speciali sono Lombardia, Umbria e Molise. La nostra esigenza è quella di una ripartenza sostenibile ed è quello che gli operatori ci hanno chiesto. Abbiamo voluto bilanciare la giusta cautela con la necessità della ripartenza e abbiamo trovato un giusto equilibrio tra il diritto al lavoro e il diritto alla salute. Insomma: un’ottima mediazione tra la prudenza e l’economia, per una regione che vuole aprire tutto ma aprire per sempre».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

 

2 Commenti

  • Sabrina ha detto:

    Se il Piemonte non è malato allora trovate un modo per riaprire i centri diurni per i ragazzi disabili dopo più di due mesi ne hanno bisogno! Le uscite singole non servono i ragazzi non le capiscono grazie.. i disabili in tutto ciò sembrano dimenticati da tutti

  • Salvatrice Toggini ha detto:

    Xké io che prendo 400euro di stipendio 450 affitto e 100 euro di reddito di cittadinanza nn può fare la domanda contributo affitto vergognatevi a chi li date i soldi, io Con il contributo ni pagavo l, affitto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *