Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alta Valsesia a cena contro la sclerosi multipla
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Alta Valsesia a cena contro la sclerosi multipla

I fondi raccolti permetteranno di organizzare attività dedicate alle persone affette da questa patologia.

alta valsesia

Alta Valsesia terra di solidarietà: a Pila raccolti fondi a favore delle persone affette da sclerosi multipla.

Alta Valsesia solidale

Dall’alta valle un importante contributo contro la sclerosi multipla. Si è tenuta al ristorante “La Pace” di Pila la cena benefica a favore della locale associazione Aism. L’evento molto partecipato ha permesso di raccogliere fondi per 1.470 euro che saranno destinati a sostegno delle attività a favore delle persone con sclerosi multipla. In particolare l’importo permette di programmare una importante attività psicologica con la dottoressa Cinzia Communara di Aism Biella, denominata “Allena la Mente”, che è fondamentale per sensibilizzare le capacità cognitive nelle persone con sclerosi multipla.

Il programma

Tale attività sarà svolta nel periodo autunnale per un ciclo di dieci incontri e prevede la partecipazione di almeno 10 soggetti. Inoltre, in relazione ai fondi che sarà possibile nuovamente reperire sul territorio, si potrà continuare a svolgere l’attività di ginnastica in acqua a settembre, quella svolta da giugno a luglio alla piscina Milanaccio ha riscontrato buona partecipazione e ottimali risultati sull’attività specifica di benessere.

I ringraziamenti

Scrivono dall’Aism: «Per quest’ultima attività si ringrazia la direzione del centro sportivo Milanaccio in particolare Monica Garatti per la professionalità e la disponibilità. Un altro immenso e doveroso ringraziamento va rivolto alla nostra Arianna Stragiotti, sempre sensibile e partecipe alle esigenze dell’associazione ed a Giuliana Pianta del ristorante “La Pace” di Pila, per la sensibilità, generosità ed attenzione che ci rivolge. Vanno ringraziate tutte le persone che hanno partecipato all’evento di raccolta fondi, ricordando che l’associazione necessita di partecipazione e di volontari a sostegno della programmazione considerato che il numero di persone coinvolte sul territorio da sclerosi multipla si fa sempre consistente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente