Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alunni Varallo a scuola col piedibus: risolti i problemi del distanziamento sui mezzi
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Alunni Varallo a scuola col piedibus: risolti i problemi del distanziamento sui mezzi

Ogni mattina il gruppo dei bambini partirà dalla stazione ferroviaria alle 8 per raggiungere le scuole di piazza Ferrari. Si cercano altri volontari.

Alunni Varallo a scuola col piedibus: tra i volontari diversi esponenti dell’Associazione Carabinieri in congedo.

Alunni Varallo a scuola col piedibus

Il Piedibus si rimette in marcia a Varallo dopo il periodo di stop registrato negli ultimi anni e dovuto alla mancanza di volontari disponibili ad accompagnare i bambini durante il tragitto a piedi fino a scuola. Ora, con la ripresa dell’anno scolastico, il Comune riattiverà il progetto, che già in passato era stato apprezzato e utilizzato da parecchie famiglie varallesi.

A partire da martedì 15

«Il progetto del Piedibus è stato riproposto durante un incontro degli Amici di Gaudenzio mesi fa – fa sapere il Comune – e siamo lieti di poter annunciare che ripartirà con l’inizio del nuovo anno scolastico. Alcuni volontari, tra cui diversi esponenti dell’Associazione Carabinieri in congedo, si alterneranno nell’importante compito di accompagnare gli alunni a scuola a piedi, a partire da domani, martedì 15 settembre».

Dalla stazione a piazza Ferrari

Per il momento sarà solo uno l’itinerario che verrà attivato: il gruppo dei bambini partirà dalla stazione ferroviaria, tutte le mattine, alle 8 e, attraverso le vie del centro, giungerà alla scuola primaria e dell’infanzia di piazza Gaudenzio Ferrari.

Come candidarsi

«Per questo itinerario si sono avute già molte adesioni – riferisce il Comune -, ma se l’interesse al servizio verrà confermato o esteso, potranno essere attuati altri percorsi da via XXIV Maggio verso la scuola primaria e secondaria e dalla zona di Varallo vecchio verso la primaria». Chiunque volesse dare la sua adesione, come singolo o associazione, potrà farlo rivolgendosi direttamente al Comune (ufficio istruzione) o al teatro Civico (ufficio Alpàa).

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente