Attualità Borgosesia e dintorni -

Bestemmie durante la conferenza del museo. Borgosesia, hacker in azione

La diretta proposta dal museo di archeologia e paleontologia “Carlo Conti” ha dovuto essere interrotta.

Borgosesia riapre

Bestemmie durante la conferenza online: gli hacker hanno rovinato l’evento sul web del museo Conti.

Bestemmie durante la conferenza

Un’iniziativa di interesse culturale, una sorsata di ossigeno in questo momento storico, rovinata da bestemmie e insulti. La diretta proposta dal museo di archeologia e paleontologia “Carlo Conti” ha dovuto essere interrotta. Ogni tanto accade, e con maggiore frequenza in questi ultimi mesi in cui molte conferenze, riunioni e incontri, devono forzatamente essere organizzati in videoconferenza.

L’evento

A farne le spese questa volta è stato il museo archeologico di via Combattenti che in questi mesi ha messo in programma una serie di incontri online con studiosi ed esperti per trattare diversi aspetti di archeologia e speleologia. Una di queste era prevista giovedì, dedicata alla paleontologia con la dottoressa Julie Arnaud dell’Università di Ferrara. Peccato che sconosciuti hanno pensato di disturbare relatore e partecipanti dopo aver hackerato il sistema e permettendo così di inserirsi nella conferenza.

La denuncia

Disturbi oltretutto che sono andati ben oltre, arrivando a insulti, frasi volgari e bestemmie. Tanto che, nell’impossibilità di proseguire in tranquillità, organizzatori e relatori hanno deciso di interrompere la conferenza.
Un episodio che ha suscitato indignazione; se ne è fatto portavoce l’assessore comunale Paolo Urban, che ha delega sul museo, in un post su Facebook: «Sono sconcertato dalla maleducazione di queste “persone” (se così possiamo definirle). Grazie alla registrazione effettuata faremo denuncia e cercheremo di sapere nomi e cognomi. Nel frattempo vergognatevi e faremo di tutto per scovarvi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.