Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Bomba d’acqua su Ghemme: si fa la conta dei danni | LE FOTO
Attualità Novarese -

Bomba d’acqua su Ghemme: si fa la conta dei danni | LE FOTO

Numerose le case del centro che hanno avuto danni al tetto o la cantina allagata. Colpiti anche i vigneti sulle colline.

Bomba d’acqua su Ghemme: tetti scoperchiati e strade allagate dopo il temporale.

Bomba d’acqua su Ghemme e dintorni

Una tromba d’aria di prima mattina ha scoperchiato tetti e fatto volare in aria tegole a Ghemme. E ha colpito le colline coltivate a vigneto. È successo intorno alle 8 di mercoledì 1 luglio, quando la pioggia battente si è fatta sempre più insistente, poi ha iniziato ad alzarsi un forte vento che ha fatto danni.
Scorri la galleria di foto.

Interventi sui tetti

Diverse le operazioni: si è proceduto a svuotare i tombini pieni d’acqua che stazionava lungo le strade. Ma i danni maggiori sono stati sui tetti. Grazie al cestello è stato possibile raggiungere la sommità facendo cadere le tegole pericolanti.

Via Fontana della Beata

In particolare i pompieri romagnanesi sono stati al lavoro in via Fontana della Beata, dietro alla chiesa parrocchiale Maria Vergine Assunta, dove è stato necessario mettere in sicurezza tre edifici. Il forte vento ha fatto volare via il primo metro di tegole, così è stato necessario spostare gli elementi pericolanti per mettere in sicurezza le tre abitazioni. La strada è stata chiusa al traffico fino al termine delle operazioni di messa in sicurezza.

Un temporale di pochi minuti

Anche in via Cairoli si sono verificati danni dovuti al distaccamento di alcune tegole dal tetto di una casa. Altri punti dove si è reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco sono stati in via Caccia e via Buonarroti.
La furia della tempesta è durata pochi minuti ma tanto è bastato per mettere in ginocchio una parte di paese. Ci sono alcune case che si sono trovate praticamente senza tetto e già nella giornata di ieri sono partiti i lavori.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente