Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia 300 operatori mobilitati per il maxi-test sierologico
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia 300 operatori mobilitati per il maxi-test sierologico

Oggi e domani invitati al Milanaccio e al Pala Loro Piana tutti i maggiorenni residenti in città. Prima iniziativa del genere in Italia.

Borgosesia 300 operatori mobilitati per il maxi-test sierologico. Oggi e domani invitati al Milanaccio e al Pala Loro Piana tutti i maggiorenni residenti in città. Prima iniziativa del genere in Italia.

Borgosesia 300 operatori mobilitati per il maxi-test sierologico

Più di 10mila maggiorenni residenti a Biorgosesia invitati tra oggi e domani (sabato 23 e domenica 24 maggio) a sottoporsi a un test sierologico di massa che rappresenta un’iniziativa al momento unica in Italia. Il test e gratuito e volontario e serve a individuare la presenza nel sangue di immunoglobuline che si attivano in risposta al Covid-19. Pronti il centro Milanaccio e il Pala Loro Piana che ospiteranno i test: leggi qui per conoscere dove e quando recarsi all’esame.

Un esercito di volontari e operatori

Sarà un vero e proprio esercito di medici, infermieri e volontari della Croce rossa a eseguire i test: saranno circa trecento ad alternarsi nelle postazioni per ricevere i cittadini. L’opportunità è stata resa possibile finanziariamente dalla Fondazione Valsesia e dalla famiglia Loro Piana, con il supporto del Comune, di Croce rossa e protezione civile e l’appoggio dell’Università del Piemonte Orientale, che ha avviato uno studio sull’iniziativa.

Presentarsi con mascherina e carta di identità

I cittadini che vorranno sottoporsi al test dovranno solo presentarsi nel luogo e nell’orario indicato secondo il loro nominativo, muniti di mascherina e documento di identità. Non è possibile spostare l’orario programmato, e viene raccomandata la puntualità: chi arriva dopo l’orario di riferimento non potrà farlo. Per il test sierologico sarà sufficiente il prelievo di una goccia di sangue e il risultato verrà comunicato nell’immediato. Chi dovesse risultare positivo alle IgM (ossia con infezione potenzialmente in corso) avrà un percorso completo: verrà subito sottoposto a tampone (sarà presente un’area gestita dall’Asl con supervisione del direttore del Dipartimento malattie infettive dell’ospedale di Vercelli, Silvio Borrè) il cui esito sarà fornito entro 48-72 ore.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente