Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia inaugura il liceo a impatto zero: le foto
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia inaugura il liceo a impatto zero: le foto

Il liceo “Ferrari” conquista cinque aule e risolve i problemi di capienza.

Borgosesia inaugura la nuova ala del liceo  “Ferrari”. Un edificio all’avanguardia sotto l’aspetto dei consumi energetici.

Borgosesia inaugura la nuova ala del liceo

Dopo dodici anni è finalmente realtà la palazzina con le nuove aule del liceo “Gaudenzio Ferrari” di Borgosesia. L’ala è stata inaugurata la mattina di venerdì 17 settembre. Sono cinque le aule ricavate nella palazzina sul retro della sede di viale Varallo.

Qui vi seguiranno le lezioni le quattro quinte (due scientifico, una scienze umane e una economico-sociale) e una delle quarte. La possibilità di utilizzare i locali significa la fine degli spostamenti di alcune classi (a rotazione) nelle aule libere dell’istituto tecnico di Agnona; una situazione che avrebbe dovuto essere provvisoria per uno o due anni, ma che si è invece prolungata per oltre un decennio.

Scorri la galleria per vedere le foto.

Un edificio a impatto zero

L’edificio che si collega al corpo principale dell’istituto superiore è all’avanguardia sotto l’aspetto della prestazione energetica, a impatto zero come consumi tra cappotto isolante, pannelli solari e pompe di calore.

Soddisfazione e riconoscenza è stata espressa dal dirigente scolastico Mauro Faina che ha sottolineato l’esigenza per la scuola dei nuovi spazi e il livello di efficienza e modernità dei nuovi ambienti. «In ventidue anni di carriera – ha evidenziato – non avevo mai visto una palazzina con queste fattezze e che ora molti ci invidiano».

Un’opera attesa da dodici anni

I lavori di completamento dell’ala (importo dell’opera 700mila euro) sono stati avviati a maggio dello scorso anno, ripresi dal punto in cui vennero interrotti nel 2012 per un contenzioso che oppose l’azienda edile incaricata e la Provincia.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *