Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia prima messa per don Luca Favero
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia prima messa per don Luca Favero

Trent'anni, ieri è stato ordinato sacerdote: e oggi sarà festeggiato dai fedeli della comunità parrocchiale.

Borgosesia prima messa in città per don Luca Favero, appena ordinato sacerdote. Oggi (domenica) alle 16 la celebrazione in parrocchiale.

Borgosesia prima messa per don Luca, appena diventato sacerdote

Oggi la comunità parrocchiale di Borgosesia potrà partecipare alla prima messa celebrata da don Luca Favero, che ieri è stato ordinato sacerdote a Novara dal vescovo Franco Giulio Brambilla nella basilica di San Gaudenzio. Appuntamento alle 16, a seguire un rinfresco in oratorio. Sospesa la tradizionale messa delle 11.

Un percorso iniziato in oratorio

Il cammino per diventare prete è iniziato facendo l’animatore all’oratorio cittadino e confrontandosi con il responsabile del centro di quel periodo, don Massimo Maggiora. Dopo aver a lungo meditato il suo percorso, a 23 anni Favero ha deciso di entrare in seminario: «E’ stata una scelta molto ponderata, che sicuramente quando avevo quindici anni nemmeno immaginavo e credevo. Crescendo ho capito che diventare sacerdote è senza dubbio la missione della mia vita. Non ho mai avuto, nemmeno per un istante, un ripensamento».

E’ perito meccanico e studiava al Politecnico

Nato a Borgosesia il 4 settembre 1988, Favero ha fatto il suo ingresso in seminario nel 2011, dopo aver conseguito il diploma di perito meccanico all’Itis “Lirelli” di Agnona e tre anni di università al Politecnico di Milano. Nel suo percorso di preparazione pastorale, il giovane è stato impegnato al Centro diocesano vocazioni (durante il primo anno di teologia). Poi nella parrocchia di Santa Rita a Novara (nel secondo e terzo anno), nella casa circondariale dello stesso capoluogo (nel quinto anno). E l’anno scorso, nella parrocchia di Omegna. Il 7 ottobre dello scorso anno era stato ordinato diacono da monsignor Franco Giulio Brambilla: l’anno di ministro diaconale è stato vissuto a servizio delle comunità parrocchiali di Sant’Antonio e Sant’Andrea a Novara, accanto ai ragazzi dell’oratorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente