Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Cantine svuotate e cumuli di rifiuti abbandonati in giro: due casi in alta Valsesia
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Cantine svuotate e cumuli di rifiuti abbandonati in giro: due casi in alta Valsesia

Casi a Scopa e Fobello, malgrado i comuni offrano i servizi necessari per smaltirli correttamente. I sindaci: «C’è soltanto da vergognarsi».

Cantine svuotate e cumuli di rifiuti abbandonati in giro: due casi in alta Valsesia

Cantine svuotate per poi abbandonare i rifiuti: in alta Valsesia si sono verificati diversi casi.

Cantine svuotate e rifiuti abbandonati

Rifiuti ingombranti abbandonati per strada. Maleducati in azione in alta Valsesia dove nell’ultima settimana sono stati fatti diversi ritrovamenti.
A Scopa vicino ai cassonetti della differenziata c’è chi ha lasciato un vecchio tavolo con due sedie, l’immancabile stendibiancheria rotto e altro materiale: «Per gli ingombranti abbiamo il ritiro gratuito a domicilio su prenotazione – dice il sindaco Cesare Farina -. Questi atti di inciviltà pesano sulle tasche dei cittadini e sull’immagine del paese». E lancia un invito: «Quando vedete queste azioni segnalatele, solo così possiamo contenere le tasse. Chi ha lasciato questo schifo dovrebbe vergognarsi».

Gli ingombranti

A Fobello il sindaco Anna Baingiu non usa mezzi termini: «C’è soltanto da vergognarsi. Il Comune tre volte durante l’anno mette a disposizione un servizio per gli ingombranti e non c’è rispetto». Sono stati ritrovati un vecchio letto con tanto di materasso e rete metallica, ma anche un cassone e altro materiale. Qualcuno ha ripulito casa, ma invece di portare tutto in discarica ha preferito abbandonare il materiale in un’area della raccolta differenziata. «Occorre rispettare il lavoro altrui, l’addetto ha già rimosso ciò che qualcuno in tutta fretta ha buttato magari per paura di essere visto».

Le bottiglie

E non è il solo caso di rifiuti abbandonati, in un’altra area ecologica c’è chi lascia le bottiglie di vetro a terra senza portarle nel contenitore. «Se si vuole il bene di Fobello bisogna rispettarlo», sentenzia il sindaco. Oltre al danno d’immagine per il territorio, c’è anche il danno economico: ogni uscita per andare a recuperare rifiuti lasciati nell’ambiente ha un costo che si riversa sull’imposta rifiuti. In passato anche a Campertogno e Cravagliana purtroppo si erano verificate situazioni simili, di solito sempre nel periodo dell’inizio della stagione estiva quando qualcuno decide di ripulire lo scantinato o la casa portando via il vecchio arredo e lasciandolo per strada.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *