Attualità, Economia e scuola Serravalle e Grignasco Varallo e Alta Valsesia -

Carlo e Noah alunni meritevoli premiati con il “Turcotti”

A due ragazzi di Grignasco e di Varallo il riconoscimento riservato agli ex studenti del D’Adda.

Il premio “Turcotti” si fa in due: assegnato a Noah Colaci e Carlo Regis. «Sono entrambi meritevoli nello studio, oltre che volenterosi e disponibili con chiunque».

Carlo e Noah alunni meritevoli premiati con il “Turcotti”

Il premio intitolato a Giovanni Turcotti si è fatto in due. Contrariamente alle scorse edizioni, quando veniva consegnato il riconoscimento a un solo ex studente dell’istituto D’Adda di Varallo, quest’anno i premiati sono due: Noah Colaci e Carlo Regis. La commissione li ha considerati entrambi molto meritevoli.

La cerimonia per la consegna dei premi è stata ospitata venerdì pomeriggio a Borgosesia, nella sede del Centro studi che porta appunto il nome dello scomparso professore. A consegnare i premi è stata Paola Vicario, dirigente dell’istituto scolastico di Varallo: «Mi fa molto piacere potere premiare questi ragazzi, entrambi molto bravi, volenterosi e disponibili sempre e con chiunque».

Chi è Noah Colaci

Colaci abita a Grignasco: si è diplomato a giugno al liceo classico e ora è iscritto alla facoltà di lettere classiche alla Normale di Pisa. «Durante tutto il suo percorso, Noah ha saputo unire con ammirevole equilibrio un assiduo impegno nello studio – è la motivazione -, un’appassionata curiosità intellettuale, una viva sensibilità per le questioni del presente e un sincero interesse per la civiltà antica, coltivando giorno dopo giorno una personalità umana ricca, aperta agli altri e disponibile al dialogo, all’insegna di un ideale umanistico non astratto, che in lui è diventato tratto di carattere e modo di porsi sia nei rapporti con gli altri che nella pratica della conoscenza e della cultura.

A riprova di ciò abbiamo raccolto il giudizio pienamente positivo sull’esperienza di Noah in Pinacoteca dove ha svolto accoglienza nel 2020, durante il quale si è dimostrato affidabile e attento, educatissimo con il pubblico; complice la sua passione per l’arte, ha colto l’occasione per approfondire la storia delle collezioni confrontandosi in modo maturo e costruttivo con gli operatori culturali».

Chi è Carlo Regis

Regis abita invece a Varallo, si è diplomato al liceo linguistico e adesso è iscritto alla facoltà di Economia e statistica dell’Università di Torino: «Carattere estremamente positivo, sempre pronto ad aiutare gli altri non solo in ambito scolastico – dice la motivazione del premio -, ma anche in quello extrascolastico, deciso a perseguire gli obiettivi prefissati, Carlo ha dimostrato negli anni del suo percorso di studi una presenza attiva e costruttiva nella comunità scolastica. Si è posto come leader positivo per i compagni di classe e, nell’ultimo anno in qualità di rappresentante d’istituto anche per tutti gli altri studenti.

Ha saputo affiancare un percorso buono in tutte le discipline, portato avanti negli anni con merito e costanza, a un impegno profuso per la buona riuscita di progetti di varia natura all’interno della scuola, non solo didattici, ma anche riguardanti la realtà contemporanea. Ha saputo ad esempio offrire un esempio di maturità e ottimo senso critico durante un momento di riflessione di alto livello come l’assemblea d’istituto informativa nelle settimane subito dopo lo scoppio della guerra in Ucraina».

Il premio, giunto all’undicesima edizione, è istituito dalla moglie Marinella Mazzone e dall’Istituto “D’Adda”, scuola di cui Turcotti fu studente e, dal 1979 al 2004, professore di storia e filosofia.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *