Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Cavallirio ricorda Lorenzo: fu tra i fondatori della sportiva
Attualità Novarese -

Cavallirio ricorda Lorenzo: fu tra i fondatori della sportiva

Membro anche dell'Aib di Prato, Ranzini muore a 71 anni.

Cavallirio ricorda Lorenzo: fu tra i fondatori della società sportiva e membro dell’Aib di Prato.

Cavallirio ricorda Lorenzo Ranzini

Cavallirio in lutto per Lorenzo Ranzini, mancato a 71 anni. Su di lui ha avuto il sopravvento un male subdolo e feroce, che in breve tempo non gli ha lasciato scampo, lasciando un grande vuoto nella sua famiglia e tra gli amici di sempre. Il suo funerale si è svolto venerdì 28 maggio.

Ultimi giorni difficili

Patrizio Cominazzi è il cugino con cui Lorenzo aveva condiviso tutta la vita: «Gli ultimi giorni sono stati dolorosissimi, perché aveva perso la speranza, aveva capito che non ce l’avrebbe fatta; ma sono stato con lui fino all’ultimo, come se fosse il mio secondo fratello, come siamo sempre stati». Ranzini era conosciuto anche a Prato Sesia, dove aveva fatto parte per molto tempo del gruppo dell’Antincendi boschivi.

Di professione muratore

Ranzini, che per lunghi anni aveva fatto il muratore, non era sposato e non aveva mai avuto figli: la sua famiglia erano i cugini e il suo paese, per il quale aveva speso tanto tempo, impegnato in quasi tutto ciò che riguardava la vita sociale. «Ovunque ci fosse un’iniziativa, Lorenzo era presente – afferma il sindaco Vito D’Aguanno –. Lo conoscevano tutti, impossibile non fare riferimento a lui o non ricordarlo, ciascuno, per almeno un episodio vissuto insieme».

Fondatore della Sportiva

Della società sportiva cavallirese, Lorenzo era stato tra i fondatori: «Era molto amico di Giacomo Calderini, colui che per anni ha impersonato la maschera del carnevale – afferma ancora Patrizio Cominazzi –. Con altri amici, avevano dato vita a questa associazione di appassionati di sport e, sempre insieme, avevano realizzato tante manifestazioni. L’amico Calderini era scomparso nel 2016 e anche altri suoi compagni di vita se ne erano già andati. Forse anche per questo aveva perso un po’ della sua vitalità e la malattia purtroppo ha fatto il resto».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente