Attualità Serravalle e Grignasco -

Centinaia di tavolette di legno diventano arte. Grignasco, Raffaele Salvoldi si racconta

L’artista è ora impegnato a Novara, a “Casa Bossi”, dove le sue installazioni saranno inaugurate venerdì 23 settembre.

Di professione direttore della fotografia, Raffaele Salvoldi si racconta a Notizia Oggi. La sua esposizione aveva riscosso moltissimo successo durante il festival varallese Borderline.

“WoodArc” di Raffaele Salvoldi racconta il suo “WoodArc”

Un progetto artistico nato per caso ma che fonda le sue radici su di una grande passione sbocciata in giovane età per Raffaele Salvoldi. A inizio mese a Varallo, in occasione del “Borderline Arte Festival”, in moltissimi hanno apprezzato il suo progetto artistico che è riuscito a incuriosire e a coinvolgere il pubblico in maniera attiva.

Le sue opere, realizzate con centinaia e centinaia di celebri tavolette “Kapla” nate come un gioco per bambini, hanno preso forma nella “Sala del camino” di Palazzo D’Adda catturando la curiosità dei visitatori che hanno seguito l’evoluzione della sua installazione fino al suo abbattimento con il coinvolgimento del pubblico.

Nella vita direttore della fotografia

Salvoldi, trentatreenne di Grignasco nella vita lavora come direttore della fotografia su produzioni audiovisive, cinematografiche, pubblicitarie e documentaristiche, ha preso parte alla manifestazione con il suo progetto “WoodArc”, nato proprio quest’anno ma iniziato nel 2019.

«Come tanti – racconta l’artista – nel periodo del lockdown non potendo lavorare ho avuto a disposizione del tempo libero che mi ha spinto a rispolverare una vecchia passione, quella per le tavolette Kapla che nell’infanzia, tra gli 8 e i 10 anni, ho usato moltissimo. Da subito si è rivelata un’ottima modalità per combattere l’ansia per la pausa forzata dal lavoro che ha caratterizzato quel periodo. Successivamente mia sorella, che lavora come storyteller, mi ha proposto di collaborare a un progetto a scopo benefico, “La meraviglia del bene”, dove la narrazione andava di pari passo alla realizzazione della mia opera, tavoletta dopo tavoletta così come con ogni singolo gesto di solidarietà si costruiscono grandi cose. Ho così deciso di creare un account Instagram dove raccogliere l’archivio fotografico delle mie creazioni con il nome “WoodArc”; questo è poi stato notato dall’azienda Kapla che ha iniziato una collaborazione rifornendomi di tavolette».

Una passione fin da bambino

Una passione sfociata in un vero e proprio progetto artistico. «Sono sempre stato affascinato dall’architettura e dalla questione dell’equilibrio – spiega Salvoldi – e ogni struttura che realizzo è basata sulla costante ricerca del limite dell’equilibrio. Non ci sono confini nella mia ricerca, per questo motivo non parto mai da un progetto preciso, in ogni occasione le opere prendono forma sul momento e alla presenza costante del pubblico. Uno degli aspetti che più apprezzo è proprio quello dell’interazione con le persone che si fermano per guardare, fare domande e per utilizzare le tavolette che metto loro a disposizione. Tutto questo fa cadere le barriere tra chi realizza e chi guarda l’installazione lasciando più spazio alla percezione delle emozioni. Inoltre l’improvvisazione assicura l’unicità di ogni creazione che, in base alle dimensioni che ho a disposizione e al tempo, diventa sempre più complessa e articolata. Il mio può essere considerato un vero e proprio atelier itinerante».

La scelta di realizzare le installazioni con le tavolette Kapla ha anche un risvolto di rispetto per i materiali e per l’ambiente: ogni tavoletta è realizzata con legno di pino marittimo naturale e le tavolette, che l’artista custodisce gelosamente e ripone ogni volta con estrema attenzione nelle loro confezioni, vengono sempre riutilizzate. Ogni installazione viene sempre smontata o abbattuta, a seconda della scelta dell’artista, e a chi gli chiede cosa provi nella sua eliminazione lui risponde: «Non c’è alcuna tristezza in questo gesto, si tratta di una continua ricerca e le stesse tavolette serviranno a creare qualcosa di più ambizioso».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.