Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Coggiola sfasciata staccionata del Cavallero: la rabbia dell’Avis che l’aveva costruito
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Coggiola sfasciata staccionata del Cavallero: la rabbia dell’Avis che l’aveva costruito

I volontari l'avevano realizzata nel 2006, in occasione dei 40 anni dalla fondazione.

Coggiola sfasciata staccionata del Cavallero: «Si tratta di vandalismo, nessun dubbio».

Coggiola sfasciata staccionata del Cavallero

«C’è la mano del vandalo dietro alla staccionata divelta al santuario del Cavallero». Ne sono convinti dall’Avis di Coggiola i cui volontari anni fa avevano realizzato appunto il corrimano per salire in modo più agevole fino al luogo di culto. «Ma anche se fosse stato un danno fatto inavvertitamente o un incidente – riprende Nichele – sarebbe bastato informare e non sarebbe successo nulla. C’è comunque amarezza per come vengono trattati i nostri luoghi». Per anni l’Avis aveva gestito anche il punto ristoro nei pressi del santuario.

Non è la prima volta

«Non è la prima volta che la staccionata viene divelta – osserva il presidente Cristian Nichele -. L’avevamo realizzata nel 2006, in occasione dei 40 anni di fondazione. Poi per una serie di ragioni non siamo più riusciti a fare la dovuta manutenzione, ma ancora lo scorso anno era stata sistemata in occasione delle giornate del Fai».
LEGGI ANCHE: L’Avis Coggiola festeggia i 50 anni

Mancanza di rispetto

Proprio in una delle spiaggette la scorsa settimana una mamma si era prodigata a raccogliere i rifiuti, soprattutto bottiglie di vetro, lasciate da qualche maleducato. «Sarà difficile – conclude Nichele – risalire ai responsabili, è un luogo isolato. Credo comunque che ci vada educazione e rispetto non solo per il luogo di culto, ma anche per il lavoro fatto dai volontari».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

2 Commenti

  • Stefano ha detto:

    È evidente che il corrimano sia di legno marcio e che sia andato giù da solo.
    Altro che vandali.

    • Elena ha detto:

      Lo stavo pensando anch’io Stefano, sono stata molte volte lungo quel sentiero e confermo : stato e manutenzione del legno in uno stato pietoso……..ma è più facile dare sempre la colpa al “vandalo” di turno, piuttosto che riconoscere il fatto che semplicemente le cose non sono state fatte bene…..o non fatte del tutto!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente