Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Cravagliana ricorda Silvano Giaccaglia

L’uomo era originario del Torinese, ma è stato da sempre legato al centro valsesiano.

caduti nel silos

Cravagliana ricorda Silvano Paolo Giaccaglia, originario del Torinese ma sempre vicino al centro valsesiano.

Cravagliana ricorda Silvano Giaccaglia

Lo ricorda così Franco Orgiazzi: «Sabato 15 febbraio a Torino, dopo lunga malattia, amorevolmente assistito dalla moglie Donata, è mancato il nostro amico Silvano Paolo Giaccaglia. Originario della Valle Pellice, aveva conosciuto Donata Bagliani, di famiglia valsesiana, di Brugarolo, suo padre Cavalier Piero Bagliani, titolare col fratello Paolo di una nota tipografia a Torino, attività poi proseguita dalla figlia Donata. Piero Bagliani fu presidente della famiglia Valsesiana».

Tantissime passioni

E aggiunge ancora: «Quella di Silvano e Donata fu una unione matrimoniale felice. Lui, appassionato d’arte, frequentatore di importanti case d’asta, estimatore di artisti geniali e di opere pregevoli, per tutta la sua vita ha coltivato questa passione. Viaggiò con la moglie in tutto il mondo risiedendo per diversi mesi all’anno a Buenos Aires, realizzando numerosi documentari in tante zone pittoresche del mondo e con suoi usi e costumi e culture diverse, trascorrendo nella tranquillità del luogo lunghi periodi, quando la saluto glielo permetteva. Silvano fu anche un esperto subacqueo, effettuò numerose e rischiose immersioni in diverse parti del mondo.  Fondò una scuola per appassionati e una scuola nuoto per ragazzi ottenendo ottimi risultati. Con l’appoggio di alcune associazioni aveva organizzato numerosi tornei giovanili.

L’ultimo saluto

I funerali sono stati celebrati martedì 18 febbraio nel tempio Valdese di Torino di Corso Vittorio Emanuele. Anche una delegazione di amici di Brugarolo ha voluto partecipare per portare l’ultimo saluto al caro amico. Alla moglie Donata, presidente del Gruppo Sportivo di Brugarolo, e alla sua famiglia, le condoglianze da parte dei consiglieri del Gruppo e di tutta la comunità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *