Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Crollano controsoffitti all’ospedale: è scontro tra Asl e Tiramani | LE FOTO
Attualità Fuori zona -

Crollano controsoffitti all’ospedale: è scontro tra Asl e Tiramani | LE FOTO

L'incidente nel reparto dialisi del Sant'Andrea che dovrebbe inaugurarsi a breve. L'Azienda sanitaria: siamo ancora in fase sperimentale.

Crollano controsoffitti all’ospedale: è scontro tra Asl e Tiramani. L’incidente nel reparto dialisi del Sant’Andrea che dovrebbe inaugurarsi a breve. L’Azienda sanitaria: siamo ancora in fase sperimentale.

Crollano controsoffitti all’ospedale: è scontro tra Asl e Tiramani

A scatenare il putiferio sono state le foto pubblicate su Facebook da Paolo Tiramani, deputato e sindaco di Borgosesia.

«Questo è il nuovissimo reparto dialisi del Sant’Andrea – scrive Tiramani -, che dovrebbe essere inaugurato tra pochi giorni. Nella notte crollati i controsoffitti. Le saldature dei tubi acqua mal saldate con immissione di acqua calda si sono fuse e hanno fatto crollare i tubi sui controsoffitti. Allagati altri reparti forse anche l’asilo al piano terra… Cose che possono capitare?» E c’è l’ovvia stilettata contro il direttore generale Chiara Serpieri, della quale auspica la rimozione in tempi brevi.

L’Asl: siamo ancora in fase di test

«Precisiamo che da circa un mese sono in corso dei test per sperimentare il corretto funzionamento del circuito delle acque – replica l’Asl in un comunicato -. Ciò viene effettuato per far sì che al momento di avvio dell’attività ci siano tutte le condizione per garantire la sicurezza ai pazienti. Sono in corso gli accertamenti dei tecnici per verificare quali siano le cause che hanno portato a questo evento e gli interventi da fare. Se ci sono stati lavori eseguiti in modo non corretto si provvederà a risolvere tempestivamente il problema. Stiamo inoltre verificando chi abbia diffuso fotografie scattate in un’area interdetta al pubblico perché ancora soggetta a cantiere e adotteremo i provvedimenti di conseguenza».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente