Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ferrata Falconera chiusa: si lavora per l’impianto di illuminazione
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Ferrata Falconera chiusa: si lavora per l’impianto di illuminazione

Sarà inagibile anche nei fine settimana fino alla fine delle operazioni.

ferrata falconera varallo

Ferrata Falconera sarà illuminata: lavori in corso a Varallo.

Ferrata Falconera illuminata

Lavori in corso alla ferrata del Falconera. La via ferrata è temporaneamente chiusa al pubblico sino al termine dei lavori per la realizzazione della prima ferrata in Europa e forse al mondo, dotata di un’illuminazione non occasionale e collegata a una rete elettrica. «Ho firmato un’ordinanza – dice il sindaco Eraldo Botta – che vieta l’utilizzo della ferrata Falconera a partire dal 29 ottobre e sino alla fine dei lavori, perché il cantiere non è compatibile, per sicurezza, con il suo utilizzo. Purtroppo il divieto comprenderà anche i fine settimana, perché la ditta che sta realizzando l’opera ha dei tempi molto stringenti per la consegna dei lavori e quindi opererà anche il sabato e la domenica».

Le date

Un piccolo sacrificio «che gli appassionati frequentatori sicuramente condivideranno – aggiunge Ferruccio Baravelli, ideatore del progetto della Falconera -, considerato il risultato finale che renderà questa ferrata veramente unica».
Entro la metà del mese la ferrata dovrebbe essere illuminata. «La data di consegna dei lavori teoricamente è l’11 novembre – dichiara Gianpaolo Merlo della Elettro Energy di Borgosesia, la ditta che sta realizzando l’impianto – ma la stagione non è certo delle migliori e non si tratta di un lavoro di ordinaria amministrazione, come tutti penso avranno capito. Noi stiamo facendo di tutto per rispettare questi termini, seppur molto stretti, ma dipende anche dalle condizioni meteo che ci saranno nei prossimi giorni e certo non da noi che ce la stiamo mettendo tutta pur di terminare i lavori entro la data prevista, in modo professionale ed evitando comprensibili rischi per gli operatori in questo difficile contesto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente