Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara festa Luva da fine luglio a San Martino
Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara festa Luva da fine luglio a San Martino

Baglione: «Impossibile quest'anno organizzare una festa tradizionale».

Gattinara festa Luva da fine luglio a San Martino con eventi musicali e cultuali. Le tabine possono aprire.

Gattinara festa Luva da fine luglio a San Martino

La festa Luva di Gattinara si farà, ma sarà spalmata su tre mesi e mezzo anziché su tre giorni, e si chiamerà “La resilienza 2020”. Dalla fine di luglio all’11 novembre, giorno della fiera di San Martino, nella città del vino si susseguiranno appuntamenti ed eventi che normalmente si tengono durante la tre giorni.
LEGGI ANCHE: Gattinara da Luva a Luvetta: l’emergenza virus ferma la grande festa

Una festa sociale

«Non è possibile quest’anno organizzare una festa come gli scorsi anni- spiega il sindaco Daniele Baglione -. È troppo rischioso per un evento di questo tipo: Luva richiama qualcosa come 80mila persone provenienti da ogni dove. E poi è una festa prettamente sociale, che prevede il contatto con le persone, cosa che non è possibile a livello normativo. E questo, va detto, nonostante che ora ai laghi o al mare la gente si ritrovi esattamente come prima dell’emergenza».

Un nuovo ciclo di eventi

«C’è una totale incertezza su tutto – dice Baglione -. Luva non è fatta di improvvisazione e non si può lasciare tutto in un limbo; pertanto abbiamo deciso di accantonare per quest’anno la formula tradizionale. Faremo un’altra cosa, che si chiama “La resilienza 2020”. Si tratta di un ciclo di eventi che partiranno intorno alla fine di luglio e finiranno, Covid permettendo, per la fiera di San Martino. Nei prossimi giorni ci ritroveremo per stilare un calendario con le date indicative».

Spettacoli e tabine

A Gattinara ci saranno appuntamenti e spettacoli, dando la facoltà alle tabine di tenere aperto. «Di annullare tutto non se parla – sottolinea Baglione -. Non sarebbe stato corretto soprattutto in un momento difficile come quello attuale. C’è bisogno di sicurezza, ma anche di tornare alla normalità. Vogliamo dare un segnale in questo senso ed è per questo che la festa Luva quest’anno si chiamerà “La resilienza 2020”».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *