Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gres Sizzano diploma 15 nuovi soccorritori
Attualità Novarese -

Gres Sizzano diploma 15 nuovi soccorritori

Ora i “promossi” svolgeranno un affiancamento agli equipaggi per una durata di almeno 100 ore di servizio.

Gres Sizzano “diploma” 15 nuovi soccorritori. Il corso era iniziato a gennaio e dopo l’esame via al tirocinio pratico.

Gres Sizzano diploma 15 nuovi soccorritori

Il Gres di Sizzano ha 15 nuovi aspiranti volontari soccorritori. Il corso (arrivato alla 18esima edizione) era iniziato a gennaio, costituito da 50 ore di lezioni teoriche e pratiche, anche in modalità telematica. Il 5 giugno i quindici hanno conseguito la certificazione per l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico, requisito obbligatorio per tutti i volontari soccorritori.

LEGGI ANCHE: Gres Sizzano consegna kit anti-Covid alle famiglie

Il 10 luglio, invece, era il gran giorno dell’esame di abilitazione, costituito da una parte scritta e una pratica. Ora i “promossi” svolgeranno un tirocinio pratico protetto di almeno 100 ore di servizio e della durata massima di 6 mesi. Durante lo stage verranno affiancati agli equipaggi, che li seguiranno nel loro definitivo inserimento operativo.

Le opinioni degli aspiranti soccorritori

«Ho sempre sentito l’esigenza di mettermi a disposizione del prossimo – afferma Laura, 46 anni, collaboratrice scolastica -, ma mio figlio piccolo e impegni vari non me l’hanno mai permesso. Ora il mio bambino è cresciuto, riesco a ritagliare del tempo per me e a dedicarmi a quello che ho sempre desiderato: il volontariato. Inoltre, durante il corso ho conosciuto persone speciali con cui ho sviluppato un’ottima amicizia e ho trovato formatori che ci hanno sempre spronati a dare il meglio».

Dello stesso parere è Giulia, 22 anni, studentessa. «Ho sempre amato l’idea di aiutare gli altri – conferma – e nel Gres ho trovato un po’ una seconda famiglia. Gli istruttori ci hanno insegnato davvero bene e ci hanno fatto appassionare ancora di più al mondo del volontariato».

Esperienza positiva anche per Rebecca, 19 anni, studentessa. «Ho deciso di intraprendere questo percorso perché, per prima, ho avuto l’esperienza di una persona a me cara che ha avuto bisogno dell’intervento dei soccorritori, che è stato fondamentale. Proprio per questo, mi piacerebbe poter ricambiare aiutando altre persone in difficoltà».

Un gruppo affiatato

Roberto, responsabile formazione, precisa: «Ho trovato un gruppo molto unito e partecipe, nonostante le problematiche legate al Covid. Sono molto soddisfatto del percorso che hanno seguito e sono speranzoso che il tirocinio abbia un esito positivo e che raccolgano esperienze utili nel mondo del soccorritore».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *