Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Grignasco abbraccia don Gianfranco con la gita a Borgolavezzaro
Attualità Serravalle e Grignasco -

Grignasco abbraccia don Gianfranco con la gita a Borgolavezzaro

Un gruppo di fedeli in gita a Borgolavezzaro per andare a trovare l'ex parroco del paese.

grignasco abbraccia

Grignasco abbraccia il suo ex parroco: una gita per incontrare il sacerdote e altri fedeli.

Grignasco abbraccia don Gianfranco

Da Grignasco a Borgolavezzaro per andare a trovare il loro ex parroco: sono una cinquantina i cittadini che hanno partecipato alla gita per incontrare don Gianfranco Regalli. Il legame tra la comunità amministrata da Katia Bui e il sacerdote, attualmente parroco di Borgolavezzaro, è particolarmente stretto, tanto che ormai, da qualche anno, è stata istituita una trasferta annuale per trascorrere un momento in compagnia del prete.

L’evento

«Don Regalli ha lasciato il nostro paese nel 2013 e dall’anno successivo, quindi il 2014, abbiamo iniziato a partecipare alla festa di Santa Giuliana proposta nella parrocchia del nostro ex parroco – spiega Teresa Granieri, promotrice dell’iniziativa -. E’ un’occasione per ritrovare colui che è stato per parecchi anni il nostro sacerdote ma non solo. Durante questa giornata abbiamo anche modo di trascorrere un momento in compagnia di altre persone».
E da Grignasco sono partiti in molti per andare a rivedere don Regalli.

Un incontro felice

«Il sacerdote ha fatto tanto nel nostro paese, si deve ad esempio a lui la fondazione di Ca’ D’Alisa, punto di riferimento per molti ragazzi – prosegue Granieri – e noi siamo stati molto legati a lui. Da Grignasco sono partiti un pullman e alcune autovetture. In totale eravamo circa una cinquantina di persone». Felice di ritrovare i suoi ex parrocchiani, è stato il sacerdote novarese. «Ogni volta che prendiamo parte a Santa Giuliana e don Gianfranco ci rivede, esprime la sua riconoscenza e la sua gioia nel ritrovarci – conclude la grignaschese -. E anche quest’anno appena il parroco di Borgolavezzaro ci ha ritrovati era davvero molto contento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente