Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > La Regione scrive a Roma: le dosi di vaccino non bastano
Attualità Borgosesia e dintorni -

La Regione scrive a Roma: le dosi di vaccino non bastano

Via alle somministrazioni anche nelle aziende. Dal 4 maggio si aprono le pre-adesioni per la fascia 50-59 anni.

La Regione scrive a Roma: le dosi di vaccino non bastano. Dal 4 maggio si aprono le pre-adesioni per la fascia 50-59 anni.

La Regione scrive a Roma: le dosi di vaccino non bastano

Il Piemonte è una delle Regioni che fin dall’inizio della campagna vaccinale ha fornito buone performance, procedendo a ritmo veloce e spedito, e in questa fase le seconde dosi rappresentano già una quota importante di quelle somministrate giornalmente.

Per garantire i richiami senza penalizzare la prosecuzione delle immunizzazioni con prima dose di over70, 60-69enni e soggetti fragili, il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore alla sanità Luigi Genesio Icardi hanno deciso di inviare una lettera al premier Draghi e al generale Figliuolo chiedendo che la distribuzione di vaccini alle Regioni sia proporzionata alla popolazione target in fase di vaccinazione, e non a quella generale.
LEGGI ANCHE: Riaperti i bar in zona gialla, ma è vietata la consumazione al banco

Abbiamo tante persone oltre i 60 anni

In questo modo non si penalizzerebbe un territorio come quello piemontese, che ha un numero di over60 maggiore rispetto ad altre parti d’Italia e rischia di non ricevere con tempestività la quantità di dosi necessaria per metterli in sicurezza.

Partite le adesioni dei soggetti fragili con esenzione

Da ricordare che da lunedì i soggetti fragili tra 16 e 59 anni con esenzione per patologia, ma non classificati come estremamente vulnerabili, possono preaderire alla campagna di vaccinazione su www.ilPiemontetivaccina.it.

A maggio al via le preadesioni per la fascia 50-59 anni

Dal 4 maggio partirà la preadesione sul portale www.ilPiemontetivaccina.it per la fascia 55-59 anni, dal 17 maggio per quella 50-54 anni.

Aziende come centri vaccinali

Da oggi, martedì 27 aprile, tutte le aziende produttive presenti sul territorio piemontese potranno aderire alla manifestazione d’interesse indetta dalla Regione Piemonte per dare loro la possibilità di vaccinare direttamente i propri lavoratori, con l’opzione che l’immunizzazione venga estesa anche ai famigliari in linea diretta (genitori, conviventi, figli).

I lavoratori e i famigliari per fascia di età o categoria di rischio dovranno rientrare nei gruppi target in fase di vaccinazione previsti dal Piano nazionale.

Le attività produttive dovranno organizzare i propri punti vaccinali seguendo delle linee di indirizzo loro fornite e potranno partire una volta che l’Asl di competenza abbia effettuato i sopralluoghi necessari e concessa l’autorizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *