Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > La Valsesia fa il tifo per Pierangelo operato a Torino
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

La Valsesia fa il tifo per Pierangelo operato a Torino

L’ex presidente della Comunità montana si conferma tra gli amministratori più amati e conosciuti della zona.

La Valsesia fa il tifo per Pierangelo operato per due tumori alle Molinette di Torino.

La Valsesia fa il tifo per Pierangelo Carrara

Per la prima volta sabato ha potuto bere un po’ di acqua-gel e fare due passi nella sua stanza. Pierangelo Carrara sta rispondendo con grande forza di volontà all’intervento a cui è stato sottoposto per due tumori che l’avevano aggredito. Dalla camera dell’ospedale “Molinette” di Torino l’ex presidente della Comunità, maestro in pensione ed ex sindaco a Boccioleto, ha voglia di parlare al telefono e non si tira indietro davanti alle tante visite che sta ricevendo.
LEGGI ANCHE: Pierangelo Carrara: per un po’ dico basta alla politica

«Il drago sta tornando»

Il cancro l’ha scoperto appena qualche mese fa, ma l’ha affrontato con coraggio sottoponendosi alle cure del caso e proprio nei giorni scorsi si è sottoposto all’operazione alle “Molinette” di Torino. Un intervento lungo e difficile, ma la risposta di Carrara è stata buona. E così sui social è comparsa una sua foto ancora nel letto di ospedale, ovviamente più magro rispetto al solito, ma con il pollice in alto e la scritta: «Il drago sta tornando».

Un intervento delicato

«Ho ricevuto mille messaggi sul cellulare, su Facebook – racconta con un filo di voce -. Mi è servito molto perché mi sono reso conto di quanta gente mi vuole bene. Sono stati tutti meravigliosi». Carrara poi racconta dell’intervento: «È durato dodici ore e mezza. Lo staff del professor Mario Morino alle Molinette di Torino è stato fantastico, davvero professionali. Sono riusciti a togliere i due tumori, è stato un intervento “tosto” all’esofago e stomaco». Dopo i giorni in intensiva, ora è in camera per proseguire la degenza. «Ho una camera singola – riprende -. Ho fatto tre giorni di terapia intensiva e sono stati duri, ma adesso va meglio. Hanno iniziato a staccarmi qualche drenaggio e sono riuscito anche a fare due passi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente