Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Liceo Borgosesia: entro l’anno l’appalto per la nuova ala
Attualità Borgosesia e dintorni -

Liceo Borgosesia: entro l’anno l’appalto per la nuova ala

Conferma dal nuovo presidente della Provincia, Eraldo Botta. Un progetto da 700mila euro.

Liceo Borgosesia: nel 2020 partono i lavori per la nuova ala.

Liceo Borgosesia: per l’ampliamento è la volta buona

C’è ora un punto fermo per la soluzione dell’annosa questione legata all’ampliamento del liceo “Ferrari” di Borgosesia: entro fine anno andranno all’appalto i lavori per il completamento della nuova ala. La conferma arriva dal neo presidente della Provincia di Vercelli, Eraldo Botta, che pone l’attenzione alle scuole come una delle priorità che segneranno il suo mandato. «E’ il nostro obiettivo – conferma Botta -. Già il fatto di portare a bando il progetto e smuovere una situazione che era ferma da troppo tempo, è un importante passo avanti, e a questo punto siamo fiduciosi che il 2020 sia davvero l’anno decisivo per risolvere la questione».

Il progetto finalmente sbloccato

La nuova ala del liceo è attesa da dieci anni (il primo progetto venne presentato nel 2009) per risolvere i problemi di capienza della scuola di fronte all’incremento delle iscrizioni. La situazione si è sbloccata con la garanzia di un finanziamento da 700mila euro per sostenere i costi per l’ampliamento dell’istituto scolastico. A distanza di tempo, il progetto è stato rivisto, tenendo conto dei nuovi parametri rivolti al risparmio energetico. La nuova struttura potrà contare su quattro aule laboratorio e un atrio di collegamento con il corpo centrale.

L’importanza delle strutture scolastiche

«La tabella di marcia punta ad aprire la nuova ala per l’inizio del prossimo anno scolastico – evidenzia Botta -, è una vicenda che si trascina da ormai troppi anni e va assolutamente chiusa. Le scuole sono una risorsa fondamentale e, insieme al consigliere delegato all’edilizia scolastica Gian Mario Morello, le consideriamo un punto importantissimo e prioritario nella nostra programmazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *