Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > L’importanza delle pulitrici a ultrasuoni in ambito sanitario
Attualità Borgosesia e dintorni -

L’importanza delle pulitrici a ultrasuoni in ambito sanitario

Si tratta di apparecchi che permettono un'igienizzazione molto approfondita.

L’importanza delle pulitrici a ultrasuoni in ambito sanitario. Si tratta di apparecchi che permettono un’igienizzazione molto approfondita.

L’importanza delle pulitrici a ultrasuoni in ambito sanitario

Le pulitrici ad ultrasuoni, spesso dette anche lavatrici, sono un dispositivo particolarmente utile in ambito sanitario per garantire un’igienizzazione molto approfondita. Con una lavatrice ad ultrasuoni i lavaggi possono riportare i materiali che vengono lavati ad uno stato eccezionale, apparentemente pari al nuovo. Ovviamente per ottenere un risultato particolarmente pregevole è importante affidarsi a strumenti di alta qualità, realizzati nel rispetto dei più alti standard qualitativi.

Grazie all’impiego di questi macchinari vengono effettuati dei veri e propri bagni per lavaggio a ultrasuoni che permettono di avere una efficace vasca di pulizia. Con l’ausilio di questo strumento è infatti possibile rimuovere sporco di ogni genere, compreso il più ostinato, materiali grassosi e possibili agenti corrosivi. La pulizia ad ultrasuoni è certamente un baluardo del progresso tecnologico in materia di igienizzazione e pulizia ma al tempo stesso offre una resa altissima e la certezza di massima igiene.

Per comprenderne pienamente l’importanza di una pulitrice ad ultrasuoni in ambito sanitario è importante conoscere il loro funzionamento basato sulla cavitazione acustica. Si tratta di una tecnica che consente di convogliare il liquido presente all’interno del macchinario. La gestione della cavitazione avviene proprio mediante gli ultrasuoni che sfruttano la presenza dei liquidi e ne incentivano le virtù.

I vantaggi derivanti dall’uso di lavatrice ad ultrasuoni

Le lavatrici ad ultrasuoni devono il loro efficace metodo di pulizia al fatto che gli ultrasuoni, attraversando i liquidi, riescono a muoverli e a creare temperature particolarmente alte. Tutto ciò genera delle cavità nell’acqua che portano ad una pulizia molto profonda. Questa tecnica, detta cavitazione, può essere facilmente usata su qualsiasi oggetto a prescindere dal suo materiale di costruzione.

Di conseguenza è facile intuire come l’utilizzo si applichi alla perfezione anche per l’ambito sanitario, dove tutte le apparecchiature mediche possono così essere pulite in modo efficace e profondo. Non si tratta di una sterilizzazione ma di un vero e proprio meccanismo utile per una pulizia profonda e al tempo stesso non aggressiva. Tende cioè a non deteriorare gli oggetti, non accelerandone l’usura nel tempo e risulta perfetta per tutti i dispositivi medici e chirurgici.

Spesso questi dispositivi vengono associati a prodotti appositi, in grado di agire in modo realmente utile anche su eventuali batteri presenti. Inoltre con il loro uso possono essere lavate anche tutte le cavità più recondite, impossibili da raggiungere manualmente. Si tratta della soluzione ideale in ambito sanitario, da abbinare all’autoclave per la sterilizzazione e avere così a disposizione un ciclo di pulizia ideale.

Come scegliere una lavatrice ad ultrasuoni in ambito sanitario

Una buona lavatrice ad ultrasuoni utilizzabile in ambito sanitario dovrebbe essere in grado di soddisfare una serie importante di requisiti. Tra questi troviamo sicuramente:

  • Alta precisione.

  • Applicabilità su molti diversi materiali.

  • Capienza superiore a 20 L.

  • Presenza di un timer programmabile.

  • Buona potenza.

  • Vasca in acciaio inox;

  • Presenza di più modalità di pulizia.

Le modalità di pulizia prevedono solitamente una funzione “de gas” che serve per separare l’aria dai liquidi presenti. Un programma di pulizia delicata per oggetti più “fragili” e uno più completo per lo sporco più ostinato. In ambito sanitario una pulitrice ad ultrasuoni permette di eliminare quantità elevate di sporco in un tempo particolarmente ridotto.

Solitamente è poi presente un apposito cestello, utile per il lavaggio di ferri da lavoro, come ad esempio forbici, scovolini e bisturi. Oltre a pulire questi strumenti nel modo migliore, il cestello serve anche per evitare che questi possano cadere sul fondo della pulitrice. Molto importante è anche la presenza di un buon coperchio che ha il compito di ridurre i rumori durante l’utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *