Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Loro Piana chiude stabilimento di Ghemme
Attualità Borgosesia e dintorni -

Loro Piana chiude stabilimento di Ghemme

I 47 operai che vi lavorano all’interno saranno dirottati nelle altre sedi del gruppo

Loro Piana chiude stabilimento di Ghemme. E i 47 operai che vi lavorano all’interno saranno dirottati nelle altre sedi del gruppo.

Loro piana chiude

La notizia arriva da Daniele Bovolenta di Filctem Cgil Vercelli Valsesia: «La comunicazione ufficiale è arrivata lunedì dalla direzione aziendale – conferma il segretario generale e responsabile del settore tessile del sindacato – . La cosa di cui ci siamo subito preoccupati ovviamente riguarda mantenimento del posto di lavoro per i 47 dipendenti. E ci auguriamo che per loro possano essere messe in campo tutte le tutele previste per alleviare al massimo il disagio che nascerà dal dover andare a lavorare anche a molti chilometri di distanza».

Personale

E’ probabile che il personale attualmente impiegato nella fabbrica di via Lungo Mora Superiore a Ghemme verrà spostato negli altri stabilimenti del gruppo, dalla “casa madre” di Quarona, fino a Borgosesia, Roccapietra e Verrone. «Si parla di un trasferimento progressivo – continua Bovolenta – , che dovrebbe iniziare nel periodo delle ferie e potrebbe concludersi all’inizio del 2022. Per alcuni lavoratori, in particolare quelli che saranno dirottati a Verrone, si tratterà di una distanza importante da coprire ogni giorno. Ci auguriamo che l’azienda voglia discutere con noi e per questo per lunedì pomeriggio è fissato un primo incontro per affrontare il problema».

Gruppo

Probabile che in questo primo confronto tra azienda e sindacato possano essere chiariti anche i motivi della scelta del gruppo Lvmh (Moët Hennessy Louis Vuitton) che nel 2013 aveva acquistato l’80 per cento delle quote dell’azienda fondata nel 1924 dall’ingegnere triverese Pietro Loro Piana e diventata in questi quasi 100 anni uno dei marchi più conosciuti al mondo nel settore della moda. «Si tratta di una decisione che ha preso il gruppo – conclude Bovolenta – e attendiamo di conoscerne le motivazioni. Ma noi dobbiamo pensare soprattutto alle persone che manterranno il loro posto e a come aiutarle nei trasferimenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *