Seguici su

Attualità

Morto Leonard Gianadda, imprenditore filantropo originario di Curino

L’uomo si è spento a Martigny all’età di 88 anni. Era sempre rimasto legato al suo paese.

Pubblicato

il

Morto Leonard Gianadda, imprenditore filantropo originario di Curino. L’uomo si è spento a Martigny all’età di 88 anni. Era sempre rimasto legato al suo paese.

Morto Leonard Gianadda, imprenditore filantropo originario di Curino

Era un imprenditore di livello internazionale, ma anche appassionato di fotografia, mecenate d’arte e benefattore. Un benefattore che tra l’altro è sempre rimasto legatissimo a Curino, paese d’origine della sua famiglia. Per fare un esempio, durante l’emergenza Covid aveva donato 5mila euro per due volte per aiutare la sua gente.

Leonard Gianadda è morto ieri, domenica 3 dicembre, all’età di 88 anni. Il decesso è avvenuto a seguito di un cancro osseo che alla fine non gli ha lasciato scampo. Viveva a Martigny, in Svizzera.

Mecenate della cultura

Ingegnere, immobiliarista e imprenditore, Giannadda è ricordato soprattutto per il suo impegno nel mondo dell’arte. Era stato nominato accademico di Francia, era presidente del Museo Rodin di Parigi, aveva creato la Fondazione Pierre Gianadda (intitolata al fratello morto in un tragico incidente aereo). Tale Fondazione è sede di numerose esposizioni di richiamo internazionale

Ma non solo: aveva creato il museo gallo-romano, quello dell’automobile e il parco delle sculture. Con la moglie aveva poi costituito una seconda Fondazione benefica. Molto legato alla Valle d’Aosta, aveva collaborato all’allestimento del primo museo “en plein air” a Etroubles.  E nel 2022 era stato insignito del titolo di “Ami de la Vallée d’Aoste”.

Il legame con Curino

Ma Leonard Gianadda era sempre rimasto legatissimo a Curino, dove aveva radici la sua famiglia. E sono state numerose le donazioni in denaro ogni volta che emergenza una necessità. Nel 2014, per esempio, staccò un assegno da 10mila euro per contribuire alla sistemazione della chiesa di San Martino.

 

 

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *