Seguici su

Attualità

Muore a 51 anni autista di scuolabus appassionato di geologia

Pubblicato

il

Muore a 51 anni autista di scuolabus appassionato di geologia. Ucciso dalla malattia, lascia un buon ricordo in tutto il paese.

Muore a 51 anni autista di scuolabus appassionato di geologia

Aveva 51 anni, era un laureato in geologia, con studi e ricerche anche nella zona, ma lavorava come autista di scuolabus. E’ morto a soli 51 anni Gianmario Carignano, residente ad Alice Castello, centro del Vercellese a ridosso di Santhià.
LEGGI ANCHE: Muore in casa a 51 anni asfissiato da un generatore di corrente

Il ricordo dell’amico

I colleghi di Prima Vercelli riportano un estratto del ricordo di Lodovico Ellena, storico e ricercatore.

“In pochi sapevano della sua malattia, forse perché Gianmario era una persona molto discreta che non amava fare pubblicità: proprio per questa stessa ragione non erano molti a sapere della sua grande passione per le pietre, che lo aveva portato addirittura a conseguire una laurea in geologia. Fu infatti lui che quando nel 2005 nei boschi del paese si aprì un’enorme voragine nei pressi della cascina Vigna, ne stabilì natura e causa: si trattava infatti di un grande buco prodotto dal ghiaccio 130.000 anni fa, come lui stesso spiegò in una dettagliata intervista in merito.  Gianmario lascia comunque attoniti per la sua repentina scomparsa; una sua lezione di geologia in un liceo torinese presso il quale fu ospite alcuni anni fa, precedette di poco quella altrettanto interessante di Massimo Centini, antropologo di fama nazionale. Un amico discreto e silenzioso, che non dimenticava mai di augurare buone cose anche quando magari non lo si sentiva da molto tempo: una persona speciale”.

La comunità in lutto

Gianmario Carignano era una persona stimata ed apprezzata da tutta la comunità e che ha lasciato un grande vuoto.

Sulla pagina Facebook del Comune anche il sindaco Luigi Bondonno lo ha ricordato insieme ad altre tre persone scomparse lo stesso giorno, mercoledì 13 luglio: «In un piccolo paese di 2.500 abitanti come il nostro, dover dire addio a quattro compaesani nell’arco di una giornata è un evento raro ma soprattutto particolarmente triste. Figli che salutano per sempre una madre ed un padre, fratelli che si separano per sempre da una sorella e genitori che piangono la perdita di un figlio».

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *