Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Nove giorni per avere una raccomandata: disavventura a Campertogno

Difficoltà per un residente che non era in casa al momento della prima consegna.

punto consegna

Nove giorni per ritirare una raccomandata a Campertogno: disguido per un residente.

Nove giorni per una raccomandata

Un’attesa di nove giorni per potere avere una raccomandata. Roberto Rovero di Campertogno non era in casa quando era passato il postino per la consegna, quindi nella buca delle lettere gli era stato lasciato il tradizionale avviso di recarsi in posta per recuperare il plico. Peccato che riprendersi la raccomandata non è stata così semplice a causa di orari ridotti dell’ufficio e di alcune questioni burocratiche. Soltanto dopo oltre una settimana ha potuto ricevere la lettera e procedere finalmente ad aprirla. Ma nel frattempo si è dovuto recare in agli sportelli almeno due volte.

LEGGI ANCHE: Carcoforo ricorda lo chef Pieraldo Manetta con una targa

La consegna

«Il giorno martedì 7 giugno – racconta l’uomo – ricevo avviso di raccomandata, mi reco all’ufficio di Campertogno, aperto appunto martedì, giovedì e sabato, per ritirarla ma mi è stato di passare sabato (neanche giovedì) oppure di chiamare il numero 803160 per concordare una nuova consegna. La telefonata l’ho fatta, ma senza esito perché mi fanno girare in tondo col risponditore automatico e allora sabato sono passato dall’ufficio postale.
Ma le disavventure non sono finite, e l’uomo ha ripreso a girare a vuoto: Stavolta mi hanno invitato a ritornare il martedì successivo – riprende – . Faccio come mi dicono ma la risposta è stata: “La raccomandata gliela possiamo dare dopo il giorno 15”, che oltretutto è mercoledì, giorno di chiusura a Campertogno». Di fatto ha potuto avere la raccomandata soltanto nove giorni dopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.