Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Piscina Ghemme sconto del 50 per cento ma nessuno la vuole
Attualità Novarese -

Piscina Ghemme sconto del 50 per cento ma nessuno la vuole

E' andata deserta anche l'ultima asta malgrado una drastica riduzione di prezzo

piscina ghemme

Piscina Ghemme ancora un’asta deserta.

Piscina Ghemme a metà prezzo

Ancora nessun acquirente per la piscina di Ghemme malgrado uno sconto da record. E’ andata infatti deserta anche l’ultima asta per l’acquisto dell’impianto natatorio scoperto al confine con Sizzano. Alla scadenza del termine (lunedì 19 febbraio) non ci sono state offerte, nonostante il Comune avesse deciso di abbassare il valore a 267mila euro, quasi la metà rispetto ai 521mila della prima asta. Ora l’amministrazione Temporelli valuterà probabilmente altri criteri di aggiudicazione: difficile pensare a un’altra asta e a un ulteriore ribasso.

Un azionariato popolare

Intanto, a proposito della piscina, arriva anche una proposta dell’ex sindaco Alfredo Corazza ai concittadini: mettiamoci insieme e compriamocela. «Ci viene una proposta un po’ così – si legge in un comunicato di Insieme per Ghemme pubblicato su Facebook – . Attiviamo un azionariato popolare e compriamoci la piscina per garantirci che nessuno ce la sminuisca o la chiuda sotto i nostri occhi. Che ve ne pare cari concittadini? Scriveteci e diteci cosa ne pensate».

“Un servizio importante”

«Alcuni ghemmesi – riprende Corazza – si sono rivolti a noi preoccupati per la sorte della piscina che considerano ormai un servizio comunale essenziale. La chiusura estiva ha fatto toccare con mano a tutti l’utilità di tale impianto e la necessità che resti pubblico per dare un servizio di cui Ghemme ha preso atto, noi compresi, di avere bisogno. La vicinanza, il buon assetto complessivo e la gestione comunale con privati, sono fattori apprezzati e richiesti anche per il futuro. A maggior ragione dopo l’anno di stop forzato. Per questo sarebbe importante garantire a prescindere da qualsiasi situazione negativa una stagione estiva ai nostri concittadini. Poi capire come garantirsi di non perdere un servizio per la comunità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente