Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ponte Romagnano in cantiere a febbraio: la Regione accelera sul “provvisorio”
Attualità Novarese -

Ponte Romagnano in cantiere a febbraio: la Regione accelera sul “provvisorio”

Nei giorni scorsi si è svolto un incontro tra il presidente Alberto Cirio e Anas.

Ponte Romagnano in cantiere a febbraio: a breve la firma della convenzione per partire con la costruzione.

Ponte Romagnano in cantiere a febbraio

A fine aprile, o ai primi di maggio, le prime auto potranno transitare sul ponte provvisorio di Romagnano? Molto probabile. Di certo, se il meteo lo permetterà, a febbraio dovrebbero iniziare i lavori.

LEGGI ANCHE: Ponte Romagnano: ecco come sarà il collegamento provvisorio

Pronta la progettazione dell’opera

Dopo le prime anticipazione su come sarà il nuovo collegamento tra le due sponde del Sesia, in attesa della struttura definitiva, nei giorni scorsi c’è stato un incontro tra Regione e Anas, che prelude alla firma della convenzione e alla progettazione esecutiva.​

Due ponti paralleli

Intanto nei giorni scorsi le ruspe hanno completato la demolizione del ponte spazzato via dalla corrente la mattina del 3 ottobre. Sullo stesso punto verrà costruito quello nuovo e definitivo, mentre quello provvisorio, in moduli di acciaio sullo stile dei ponti militari, verrà realizzato qualche metro più a nord.

Il ponte provvisorio conviene?

Ma c’è anche chi, come il gattinarese Pier Vittorio Sodano, non è proprio d’accordo con la scelta di fare due ponti: «Sarebbe stato meglio progettare e realizzare subito il collegamento definitivo pensandolo a doppia campata e con gli stralli. Queste sono tra le strutture di maggior valore statico ed estetico, in grado di superare grandi campate e fornire una forte caratterizzazione architettonica all’ambiente in cui sono inseriti».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

2 Commenti

  • Luca ha detto:

    chi è Sodano? Quale qualifica avrebbe?

    • John ha detto:

      Immagino un signor nessuno, uno di quelli che applica la scienza del “secondo me”, scienza che vanta milioni di laureati in Italia. Me lo immagino come il classico “umarell” che con le braccia incrociate dietro la schiena e il cappello in testa, sta fermo vicino al cantiere dove sorgerà il nuovo ponte, elargendo queste perle di saggezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *