Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Pray a zonzo col trattore: parte la multa
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Pray a zonzo col trattore: parte la multa

Un uomo fermato dalle forze dell'ordine: era in giro senza un valido motivo.

Pray a zonzo col trattore: parte la multa. Un uomo fermato dalle forze dell’ordine: era in giro senza un valido motivo.

Pray a zonzo col trattore: parte la multa

Non solo auto: anche i trattori possono venire fermati dalle forze dell’ordine per verificare se chi si è messo in strada lo ha fatto per un motivo valido. Un motivo che non ha saputo fornire un uomo fermato nel territorio di Pray: alla richiesta di spiegazioni circa la sua uscita, non ha saputo fornirle ed è stato sanzionato come da decreto.

Foto d’archivio

6 Commenti

  • Elena ha detto:

    Certa gente non vuol proprio capire che siamo nel bel mezzo di una GRAVE emergenza……..pazzesco!!!!

  • Stefano ha detto:

    E quanti ce ne sono , come quello. E, si ci fate caso, non sono più tanto giovani. Meditate.

  • marco ha detto:

    Tutti bravi a sparare sentenze col frigo e la pancia piena e lo stipendio garantito pur stando seduti sul divano . Non so chi fosse in giro col trattore , magari un povero cristo che deve sbarcare il lunario ( e ne conosco molti) !!!! Chi poteva contagiare da sopra il trattore ????? Quando c’è gente che tutti i giorni va a prendere due panini alla carrefour Poveri noi…..

    • Roberto x ha detto:

      @ Marco
      Ma che discorso è? Pensiamo, ad esempio, alla moltitudine di gente che sbarcava il lunario in nero e che ora non po’ accedere ad alcun sussidio…ma se facessero tutti come quello col trattore, SI SALVI CHI PUO’!

  • alessandro belviso ha detto:

    mi viene voglia di fare un giro sulla (letteralmente) politica con un M113 lo so che è vintage ma era facile da guidare con 2 leve…

  • Rossano Polla ha detto:

    Le più sentite condoglianze alle famigliedi 2 persone molto stimate e rispettose del prossimo! Ramella Eddie e Croso Uber… riposate in pace!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente