Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Presepi Ghemme: vince quello creato con materiali di recupero
Attualità Novarese -

Presepi Ghemme: vince quello creato con materiali di recupero

Numerosi i partecipanti all'iniziativa lanciata dall’associazione “Noi del castello”.

Presepi Ghemme: oltre una ventina i partecipanti al concorso lanciato da “Noi del castello”.

Presepi Ghemme, il concorso

Tanti presepi in concorso per l’iniziativa lanciata dall’associazione “Noi del castello”. La premiazione si è svolta lunedì, durante la festa dell’Epifania. Il presidente del sodalizio Giuliano Sommi, insieme alla segretaria Gian Franca Urani e al direttivo ha ringraziato tutti i partecipanti al concorso, indetto all’inizio di dicembre in occasione della manifestazione Natale in cantina . Il concorso “Presepi in Castello”, questo il titolo della manifestazione, ha visto esposto sulle finestre e nelle viuzze del centro storico di Ghemme oltre una ventina di presepi.

presepi ghemme

L’esposizione

«Sono stati realizzati – dice Sommi – come negli scorsi anni dai nostri soci e dai ragazzi di Ghemme. Quest’anno nelle viuzze, nelle finestre e sulle scale del nostro castello sono stati esposti nuovi ed interessanti presepi che i nostri affezionati amici hanno ideato per il “Natale in Cantina”. Ringraziamo tutti, dai bimbi della scuola primaria, del nido e dell’oratorio alle associazioni: grandissimi complimenti per l’originalità e la qualità». Presente alla premiazione anche la simpatica Befana, alias Monica Fontana, che ha intrattenuto i bambini. Il pubblico ha votato con schede messe in punti ristoro e la giuria ha fatto una valutazione tecnica.

I vincitori

I vincitori sono stati omaggiati con la guida di Ghemme di Mauro Imazio Agabio e il portachiavi di “Noi del Castello”. Ecco quindi i presepi vincitori. Quinto classificato, l’oratorio Beata Panacea, con una presepe tradizionale in riferimento al messaggio di fratellanza di Papa Francesco, con il ponte che unisce i popoli. Quarti classificati la composizione di Davide Fontana, un’ immagine natalizia sulla sabbia, e quella di Pinuccia Rovario con una Natale al puncetto, realizzato in tre anni. Terza la Pro loco di Ghemme con una presepe tradizionale con capanna e animali, a parimerito con quello Anna Populizio che ha proposto un presepe nell’acqua. Secondo Oreste Reveland con il suo presepe in movimento. Ed infine primo premio a Daniela Fontana e Renata Scanziani, con un presepe realizzato con prodotti di recupero e sui gradini della scala del Recetto. Ai tutti è stato dato un premio di partecipazione. «Mai come quest’anno – conclude Urani – sono passate tante persone non di Ghemme».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente