Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Quarona centro estivo anche ad agosto
Attualità Borgosesia e dintorni -

Quarona centro estivo anche ad agosto

Il Comune avrà il coordinamento e si avvarrà della collaborazione di parrocchia, asilo Zuccone e cooperative.

Quarona centro estivo da giugno fino alla riapertura delle scuole «per dare alle famiglie un servizio totale».

Quarona centro estivo anche ad agosto

Un centro estivo da giugno a settembre, per coprire tutto il periodo sino all’apertura dell’anno scolastico, libero a tutti e per ogni fascia d’età: è quanto sta organizzando l’amministrazione comunale di Quarona (che avrà il coordinamento) insieme alla parrocchia, alle cooperative che gestiscono i servizi scolastici, all’asilo Zuccone.

Potrebbe coinvolgere 200 minori

Il fatto di poter contare sui centri estivi anche in tempi di emergenza da covid-19 è una necessità avvertita da molte famiglie. Già il Comune di Quarona ha avviato da due settimane il servizio di assistenza minori, limitato ai figli di genitori entrambi impegnati con il lavoro, che sta raccogliendo una quindicina di iscritti. E il servizio di assistenza minori sarà la base su cui si andranno a costruire le modalità di gestione del centro estivo, un’attività ben più impegnativa considerato che potrebbe coinvolgere quasi duecento bambini e ragazzi di Quarona.

Aperto a tutti

Il centro estivo quaronese assicurerà una copertura totale sino alla riapertura ufficiale delle scuole, compreso quindi il mese di agosto: «Dovrà essere un aiuto completo alle famiglie, poi ovviamente ognuno parteciperà nei periodi di cui avrà bisogno – conferma il sindaco Francesco Pietrasanta -. Non ci saranno più limitazioni al fatto se i genitori lavorano o meno, come nel caso del servizio di assistenza minori, ma sarà aperto a tutti».

Diverse sedi

«Una delle prerogative sarà avere diversi sedi in cui ospitare gli iscritti per dividerli il più possibile in gruppi di numero ridotto – sottolinea Pietrasanta -. Per questo stiamo valutando la praticità di tutti gli stabili comunali, così come di parchi e aree verdi, senza ovviamente dimenticare l’oratorio. Ci sarà un protocollo preciso da osservare, e molta cura nella scelta degli animatori che dovranno essere maggiorenni e qualificati».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *