Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Quarona filiale Bpm ancora chiusa. Botta: pensate ai cittadini
Attualità Borgosesia e dintorni -

Quarona filiale Bpm ancora chiusa. Botta: pensate ai cittadini

Il presidente della Provincia fa appello ai vertici dello storico istituto di credito.

Quarona filiale Bpm ancora chiusa. Botta: pensate ai cittadini. Il presidente della Provincia fa appello ai vertici dello storico istituto di credito.

Quarona filiale Bpm ancora chiusa. Botta: pensate ai cittadini

Il presidente della Provincia di Vercelli, Eraldo Botta, interviene sul permanere della chiusura della filiale di Quarona della Banca Popolare di Novara – Banco Bpm, rimarcando la necessità di un’immediata riapertura. «Giusto e doveroso garantire la sicurezza ai dipendenti  – dice il presidente – ma invito la banca a riflettere sulle situazioni di disagio che sta continuando a creare alla clientela. Una condizione oggi, non più giustificata, tra l’altro, da imposizioni ministeriali o regionali».

«Pensate ai cittadini»

«Devono capire – prosegue il Presidente – che, nei piccoli centri, la banca, così come la posta o la farmacia, rientra tra i cosiddetti servizi essenziali per la comunità. Parliamo di territori dove, tra l’altro, abitano molti anziani abituati, in seguito all’accredito delle pensioni, a ritirare il contante allo sportello».

I tentativi del sindaco

Il sindaco di Quarona, Francesco Pietrasanta, si è già battuto prima per impedire la chiusura e poi per ottenere la riapertura dello sportello bancario ma la banca non ha sinora offerto risposte nel senso sperato. «Credo – chiude il presidente – che la richiesta del Sindaco Pietrasanta di offrire almeno un giorno alla settimana di apertura al pubblico dello sportello, sia non solo legittima e giustificata ma anche ragionevole e percorribile. Mi auguro vivamente che la Banca sia pronta a offrire la giusta collaborazione per il bene dei suoi clienti e del nostro territorio».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente