Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Quarona la festa della Beata ha portato 9mila euro di solidarietà
Attualità Borgosesia e dintorni -

Quarona la festa della Beata ha portato 9mila euro di solidarietà

Cerimonie ridimensionate a causa dell'emergenza sanitaria, ma è stato fatto il possibile per onorare la tradizione.

quarona la festa

Quarona la festa della Beata, seppure ridimensionata per l’emergenza sanitaria, ha permesso di raccogliere una cifra importante a favore delle famiglie in difficoltà.

Quarona la festa ridimensionata

L’affetto per la Beata Panacea non viene meno malgrado le celebrazioni “in sordina” a causa dell’emergenza sanitaria. Quarona ha reso omaggio alla patrona della Valsesia con cerimonie ridimensionate nella formula (niente pellegrinaggio e funzioni aperte al pubblico), ma immutate nella devozione. E con un importante effetto solidale, che ha permesso di raccogliere offerte per 9.357 euro da destinare alle famiglie colpite dalla difficoltà economica del momento. La scorsa settimana, la giornata dedicata alla pastorella martire si è aperta con la messa celebrata nella chiesa della Beata al Piano (in diretta streaming sulla pagina Facebook del parroco don Matteo) ed è proseguita con una breve cerimonia davanti alla statua che ritrae Panacea, sulla rotonda di corso Rolandi, con il parroco e il sindaco Francesco Pietrasanta, per la posa di un mazzo di fiori e un momento di preghiera.

La tradizione

«Tutto quanto si poteva fare per essere vicini alla tradizione della Beata si è fatto – commenta don Matteo Borroni -. Nel particolare momento che si sta attraversando è stato importante poter celebrare la ricorrenza. Con la celebrazione di venerdì, si è riportata nella chiesa della Beata al piano la reliquia della Panacea che era rimasta per qualche giorno esposta in parrocchiale. Vedremo se una volta conclusa l’emergenza si potrà organizzare qualcosa per celebrare la patrona della valle insieme a Ghemme». Durante la mattinata di venerdì è stato trasmesso per le vie del paese l’Inno della Beata, eseguito e registrato da Maurizio Ugliotti e dal figlio Alessandro con più strumenti musicali. Inoltre, nelle case dei quaronesi sono state distribuite quattromila “beatine”, i dolci di pastafrolla preparati da una pasticceria di Sizzano, insieme alle mascherine consegnate da Croce rossa e Fondazione Valsesia.

Le offerte

«E’ stata chiesta un’offerta per aiutare chi ha bisogno, e ancora una volta i quaronesi hanno risposto in maniera generosa – evidenzia il sindaco -. Sono stati raccolti 9.357 euro: tolte le spese, significa più di seimila euro che andranno in beneficenza. Mille saranno donati alla Fondazione Valsesia, il resto andrà nel fondo creato dall’amministrazione comunale per la “Solidarietà Quarona” con lo scopo di aiutare i nuclei familiari in difficoltà economica. Per la distribuzione vanno senz’altro ringraziati i volontari che hanno raggiunto casa per casa tutte le famiglie del paese». A conclusione, messa alla Beata al Piano, sempre a porte chiuse (con i soli ministri dell’Eucaristia) ma trasmessa in streaming.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente