Seguici su

Attualità

Rave party a Brusnengo: denunciate sei persone

Cinque uomini e una donna tra i 23 e i 40 anni finiscono nei guai.

Pubblicato

il

Rave party a Brusnengo: denunciate sei persone. L’evento si era tenuto lo scorso 2 ottobre e da qual momento era partita un’attività investigativa che ora ha permesso di identificare i responsabili.

Rave party: i denunciati

L’indagine, svolta dalla Digos della Questura, ha permesso di analizzare la chat Whatsapp utilizzata per organizzare l’evento. Sono state inoltre prese in considerazione le videoriprese realizzate sul posto dalla Polizia Scientifica. Il materiale ha consentito di individuare sei soggetti che a vario titolo sono stati ritenuti responsabili di aver organizzato l’evento.

L’incrocio delle risultanze investigative ha quindi portato a denunciare cinque uomini e una donna per i reati di invasione di terreni ed edifici e apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento. I soggetti, tutti residenti al di fuori del Biellese, di età compresa tra i 23 e i 40 anni, sono stati denunciati perché, in qualità di organizzatori, hanno omesso di comunicare lo svolgersi della manifestazione agli organi compententi.

L’attività ha consentito inoltre di identificare altri 650 soggetti, uomini e donne di fascia di età diversa, quali partecipanti all’evento illegale.

 Su La Provincia di Biella leggi anche Rave party a Brusnengo, denunciate sei persone

Foto d’archivio

5 Commenti

5 Comments

  1. Ardmando

    21 Gennaio 2023 at 8:01

    Bene, finalmente una stretta decisa contro queste manifestazioni illegali e i loro organizzatori. Ritenersi al di sopra delle leggi è il primo punto per trovarsi contro le stesse leggi. Bene così.

    • Losai

      23 Gennaio 2023 at 9:24

      🤡

  2. Tizio

    24 Gennaio 2023 at 12:44

    da quando un luogo di pubblico spettacolo accoglie la possibilità di occupazione abusiva se é (come lo dice la parola stessa) PUBBLICO. poi é chiaro che manovre del genere vengono attuate compiacere persone come al caro Armando che una vita magari non sel’é mai fatta o che lo ha angosciato talmente tanto che non può fare che rifarsi alle leggi… senza le quali non saprebbe che fare della propria vita. andate a lavorare amici della Digos.. magari vi fa bene.. e vi ritroviamo alle feste hahha

    • Vito

      25 Gennaio 2023 at 0:19

      ma i criminali non sono quelli che rubano o uccidono ?

      • Isidora

        25 Gennaio 2023 at 21:51

        Criminali perché? ognuno decide da solo cosa fare della propria vita, la gente che decide di andare a quelle feste sa benissimo cosa trovarci. Sempre meglio che le persone che in discoteca ti mettono le droghe direttamente nel bicchiere per stuprarti. Solo che attraverso le discoteche ci guadagna anche lo stato, troppo comodo. Io per decisione personale ho deciso di evitare le feste, ma ci andavo anche io, e la gente che ho trovato pur essendo stramba, erano sempre rispettosi e gentili. Quando avevo perso il telefono me l’hanno riportato, invece in discoteca il primo che lo vede lo intasca subito, che ho visto molte volte. In più queste feste avvengono spesso in natura, o posti abbandonati dove a nessuno danno fastidio. Sul discorso droghe, devo dire che le trovo pure sotto casa mia, nella scuola, nel primo vicolo con marocchini tunisini quant’altro. Inutile dire Criminali a gente che va ai rave party. Sono sempre esistiti i rave party, e prima di oggi non erano un problema.
        Poi su com’è l’ambiente… ognuno può vederlo in modo diverso. Fatto sta che chiamarli Criminali mi sembra esagerato.

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *