Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Romagnano prega per don Paolo Bosio: il ricordo di don Gianni
Attualità Novarese -

Romagnano prega per don Paolo Bosio: il ricordo di don Gianni

Il sindaco e il parroco di Romagnano ricordano con affetto il sacerdote, scomparso a soli 46 anni.

romagnano messa

Romagnano prega per don Paolo: l’ex viceparroco del paese si è spento a soli 46 anni dopo una lunga malattia.

Romagnano prega per don Paolo

Ha ricoperto diversi incarichi tra le comunità delle colline novaresi: sono in tanti a ricordare con grande affetto don Paolo Bosio. È stato parroco di Momo, vice di Romagnano, coadiutore a Prato Sesia e amministratore parrocchiale a Cavallirio. Don Paolo aveva solo 46 anni, compiuti lo scorso 3 aprile e dal 2017 lottava contro un male incurabile, che nelle ultime settimane si era aggravato. Originario di Caltignaga e ordinato sacerdote nel giugno 2004 dal vescovo Renato Corti, don Paolo dal settembre 2012 era parroco di Momo, dopo aver svolto per otto anni, dal 2004 al 2012, l’incarico di viceparroco a Romagnano, coadiutore a Prato Sesia e amministratore parrocchiale a Cavallirio. Dal 2016, dopo la nomina episcopale, don Paolo era componente del consiglio presbiterale diocesano, il cosiddetto “senato del vescovo”.

Il ricordo del sindaco

«Sono tanti i ricordi che porterò nel cuore – dice il primo cittadino di Romagnano, Alessandro Carini – con don Paolo ho condiviso tante cose da quando è stato a Romagnano. Spesso ci sentivamo anche ora che era a Momo; ricordo bene il giorno in cui lo accompagnai da Romagnano a Momo, e quando venne a Caserta per il mio matrimonio. Ha sempre avuto parole di coraggio per tutti e ha sempre mantenuto contatti con molti romagnanesi».

Don Gianni

Don Gianni Remogna, parroco di Romagnano lo ricorda: «Ho conosciuto don Paolo perché è stato lui che mi ha introdotto nella parrocchia; ho potuto apprezzare le doti di intelligenza, di saggezza e di fede di questo giovane prete. Faccio le condoglianze alla mamma alla sorella e ai nipoti. Sono tanti gli episodi che ricordo; mi ha introdotto alla ricorrenza del Venerdì Santo, spiegandomi nei dettagli e facendomi conoscere tutte le persone di questa importante manifestazione. Era via da sette anni, ma a Romagnano ha lasciato un segno e molte persone lo ricordano con affetto e riconoscenza».

L’ultimo saluto

A Romagnano sono state suonate le campane per un saluto della comunità a don Paolo, così come a Cavallirio. L’orario corrispondeva al momento in cui la sua salma è stata tumulata nel cimitero di Caltignaga. Don Paolo è stato ricordato a Romagnano anche durante la celebrazione della messa in streaming e durante la Via Lucis tenuta da don Antonio Oldani. A Prato Sesia verrà celebrata una messa in suffragio non appena sarà possibile. Don Paolo lascia la madre Piera e la sorella Rita con il marito e i nipoti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente